Il caso

«Sopprimete il mio cane e seppellitelo con me»

L’uccisione dell’animale sano su volontà di una donna morta diventa un caso in Virginia - Per i veterinari non è etico, il web si indigna

«Sopprimete il mio cane e seppellitelo con me»
Immagine generica (YouTube).

«Sopprimete il mio cane e seppellitelo con me»

Immagine generica (YouTube).

RICHMOND - Sta facendo discutere il caso di un cane che a Richmond, in Virginia, è stato fatto sopprimere per essere sepolto insieme alla sua padrona defunta. Emma, un incrocio con uno Shih Tzu, è stata di recente «addormentata» per sempre in quanto la sua proprietaria aveva lasciato tale volontà nel testamento: la piccola palla di pelo doveva riposare con lei nella tomba.

Alcuni animalisti del Chesterfield County Animal Service, dove il cane era stato portato in attesa della morte, hanno cercato di fermare l’esecutore delle volontà della donna, pregandolo di non uccidere Emma, senza però ottenere risultati. Lo Shih Tzu è stato portato via dal centro a fine marzo ed è stato fatto sopprimere da un veterinario. Lo riporta la Nbc, secondo cui il cane è stato in seguito cremato e le sue ceneri, depositate in un’urna, sono state consegnate ad un rappresentante autorizzato a procedere come da testamento. La notizia è rimbalzata sui social network, facendo indignare gli utenti del web e suscitando dibattiti su come non sia etico uccidere un animale sano. La questione sta facendo discutere anche dal punto di vista legale, in quanto, come afferma Larry Spiaggi, presidente della Virginia Funeral Directors Association, «è proibito mettere i resti di un cane cremato - o qualsiasi altro animale - in una bara e seppellirli nei cimiteri pubblici», ma ci sono delle eccezioni per le tombe di proprietà delle famiglie. Il legislatore statale starebbe considerando modifiche per evitare queste scappatoie ed evitare che tale pratica si possa ripetere. Altri veterinari dello Stato americano hanno invece fatto sapere che non avrebbero mai compiuto un atto del genere in quanto «non etico».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Curiosità
  • 1