Tornano alla luce i resti di Zhongdu, l’antica capitale della dinastia Jin

cina

I ritrovamenti sono stati fatti accanto alla zona finanziaria e commerciale di Lize, a Pechino

Tornano alla luce i resti di Zhongdu, l’antica capitale della dinastia Jin
© Shutterstock

Tornano alla luce i resti di Zhongdu, l’antica capitale della dinastia Jin

© Shutterstock

Zhongdu, la capitale della dinastia Jin (1115-1234) è recentemente tornata alla luce accanto alla zona finanziaria e commerciale di Lize a Pechino, dopo due anni di scavi di un team di archeologi cinesi.

Sebbene solo tre sezioni delle antiche mura della città, vale a dire la sezione Gaoloucun a ovest e le sezioni Wanquansi e Fenghuangzui a sud, siano state trovate in buono stato di conservazione, un totale di 2.500 metri quadrati di resti dell’antica capitale sono stati scoperti durante gli scavi dell’Istituto di reperti culturali di Pechino. Mentre un’altra parte della città antica è stata ritrovata durante la costruzione della metropolitana di Pechino nel distretto di Fengtai.

Pechino era precedentemente considerata una città chiave per la difesa del confine o capitale provvisoria. Tuttavia, a partire dalla dinastia Jin, ha assunto un ruolo sempre più importante rispetto alle altre città, ha detto Ding Lina, un ricercatore responsabile del progetto archeologico. «La scoperta segna un punto di svolta nella storia che coinvolge l’ubicazione e la costruzione della capitale della Cina».

Zhongdu ricoprì il ruolo di capitale di Jin per più di sei decenni nel periodo di massimo splendore della dinastia in mezzo a circa 120 anni di governo e fu successivamente abbandonata verso la fine della dinastia Yuan (1271-1368). «La sovrapposizione tra l’antica capitale e la città moderna ha reso difficili gli scavi poiché la parte meridionale delle mura della città è stata quasi distrutta durante la costruzione di strade e discariche nella città moderna», ha detto Ding.

Il team di scavo ha adottato varie misure ad alta tecnologia per rilevare e registrare meglio i reperti. Hanno raccolto campioni di terreno per analisi sulle spore delle piante al fine di conoscere le condizioni agricole del periodo. Alcuni resti di animali sono stati analizzati per poter studiare l’ambiente di vita e il modello alimentare di un tempo.

Gli archeologi ritengono che Zhongdu sia stata ricostruita sulla base della città di Youzhou della dinastia Tang (618-907) e di Nanchino della dinastia Liao (907-1125), ma ci sono pochi reperti a dimostrarlo. Anche se la scoperta di tombe risalenti alle dinastie Tang e Liao sotto il muro di Zhongdu fornisce una prova diretta di questa affermazione, ha osservato Ding. Nell’ambito del progetto sono stati avviati anche rilievi e mappature dettagliate, nonché la scansione laser 3D del sito, ponendo una solida base per il restauro e la visualizzazione delle rovine in futuro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1