Tutti pazzi per #VioliNation

Social network

Uno Space di Twitter a sfondo calcistico sta facendo divertire gli utenti italiani e non da martedì - L’autore degli audio precisa alcuni punti importanti riguardo alla creazione dell’hashtag

Tutti pazzi per #VioliNation

Tutti pazzi per #VioliNation

(Aggiornato il 19.11.2021 alle 8.21) Twitter, ma che succede? Riformuliamo: cos’è #VioliNation, l’hashtag che sta facendo impazzire svariate migliaia di utenti in Italia (ma non solo)? Una risposta vera e propria, al momento, non c’è. C’è, però, uno Space creato appunto su Twitter da un utente, @moussolinho, capace di convogliare, martedì sera, un sacco di gente. E mercoledì, per il bis, il contatore ha superato i 5 mila. Roba da matti. Anche perché, nello Space, The Animal Violista (l’host) trasmette senza soluzione di continuità gli interventi e le cover musicali a sfondo calcistico di Marco Violi, youtuber e titolare del sito Romagiallorossa.it. Lo stesso Violi non avrebbe gradito l’operazione e, secondo l’host, avrebbe tutta l’intenzione di adire le vie legali. La platea, però, gradisce. Eccome se gradisce. Di più, fra i 5 mila e passa utenti collegatisi mercoledì sera – oltre a varie stelle del Twitter italiano come Mazinho – ci sono giornalisti italiani e non, ma anche la tennista Sara Errani e la conduttrice e scrittrice Andrea Delogu. Perfino l’ex attaccante del Manchester United Louis Saha ha fatto capolino, oltre al rapper Shade.

La precisazione
Il caso social, in realtà, presenta risvolti che il protagonista della vicenda tiene a chiarire e ad evidenziare per delineare un quadro completo, come riporta l’agenzia Adnkronos.

La creazione dell’hashtag, sottolinea Marco Violi, il giornalista autore degli audio e creatore dei contenuti diffusi senza il suo consenso, è parte di una «manovra discriminatoria atta a denigrare a livello personale e professionale». Il materiale diffuso «è di proprietà» di romagiallorossa.it, una testata web regolarmente registrata ed «esiste già una denuncia depositata alla Procura della Repubblica alla quale verranno aggiunti gli ultimi eventi». «Tutto ciò - precisa il giornalista - ha portato l’hashtag #VioliNation ad essere in tendenza questi ultimi giorni».

Lo stesso Violi, in una sua diretta su YouTube, spiega: «VioliNation non l’ho creato io ma LogikSeo e Moussolinho. Non è vero che era un tributo a me ma era atto a denigrare la mia figura. Lo hanno fatto anche in determinate radio romane. Volete prendermi in giro perché sono ciccione? Non mi interessa. Ma professionalmente non potete dirmi nulla e non è giusto mettere in mezzo la mia famiglia. Lasciateli stare, così si degenera. Perché è successo? Perché ho spiegato chi era Pallotta (l’ex proprietario della Roma, ndr). Ora io sono in pericolo, la Polizia postale deve intervenire. Avete riso, vi siete divertiti e non vedete l’ora di fare un altro VioliNation. Sappiate che questi sono delinquenti legalizzati. Non rilascio interviste a nessuno, per me il discorso finisce qui».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1