Un alveare robotico
potrebbe salvare le api

L’innovazione

Una società israeliana ha progettato un macchinario che potrebbe frenare il collasso delle colonie dei preziosi insetti impollinatori

Un alveare robotico <br />potrebbe salvare le api
La ditta, finora, ha già raccolto 40 milioni di dollari da investitori privati e ha già installato un centinaio di «Bee Home» tra Iran e Stati Uniti d’America

Un alveare robotico
potrebbe salvare le api

La ditta, finora, ha già raccolto 40 milioni di dollari da investitori privati e ha già installato un centinaio di «Bee Home» tra Iran e Stati Uniti d’America

Due ronzii a confronto: quello delle api e quello delle braccia robotiche che si muovono con un’efficienza sovrumana e a una velocità incomparabile rispetto quella di qualsiasi apicoltore in carne e ossa. Il compito di questo macchinario, grande quanto un rimorchio agganciabile ai veicoli, è scannerizzare ogni favo di miele alla ricerca di anomalie o minacce: che sia la presenza di una malattia, di pesticidi... Qualsiasi pericolo è poi segnalato in tempo reale, 24 ore su 24. Ognuna di queste unità, sviluppate dall’azienda israeliana Beewise, ospita fino a due milioni di api per un numero massimo di 24 colonie. La ditta, finora, ha raccolto 40 milioni di dollari da investitori privati e ha già installato un centinaio di «Bee Home» tra Iran e Stati Uniti d’America.

Loading the player...
Guarda il video — Un alveare robotico che potrebbe salvare le api

Secondo la società che l’ha messo a punto, questa soluzione potrebbe contribuire a ridurre al minimo il rischio di collasso delle colonie di api. Da tempo, in tutto il mondo, si assiste a un drastico e continuo calo del numero di esemplari per cause diverse: dall’agricoltura intensiva all’uso di pesticidi, dai parassiti ai cambiamenti climatici.

Le aziende hanno provato a sfruttare le più svariate tecnologie per cercare di rallentare questo fenomeno come, ad esempio, l’installazione di particolari sensori sulle tradizionali arnie di legno o tramite metodi di impollinazione artificiale.

Questo nuovo apparato è dotato, oltre che di un braccio robotico e un computer, anche di numerosi sensori e telecamere. Le aperture colorate sui lati permettono alle api di entrare e uscire dalle arnie. «Tutto ciò che un apicoltore farebbe, il meccanismo robotico può imitare e farlo in modo più efficace senza mai stancarsi, senza andare in vacanza e senza lamentarsi», ha spiegato il fondatore e direttore della società, Saar Safra all’agenzia Reuters (guarda il video allegato a quest’articolo). «Questo include la raccolta del miele, la somministrazione di farmaci e gestione degli alveari».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1