Società

Un giovane su tre ha già avuto difficoltà finanziarie

A rivelarlo è uno studio cui hanno partecipato 70 mila diciannovenni svizzeri

Un giovane su tre ha già avuto difficoltà finanziarie
Foto Shutterstock

Un giovane su tre ha già avuto difficoltà finanziarie

Foto Shutterstock

BERNA - I giovani adulti in Svizzera ritengono di avere buone possibilità di realizzare i loro obiettivi nella vita, ma questa percezione varia a seconda del loro percorso formativo e professionale. Quasi un giovane elvetico su tre ha già avuto difficoltà finanziarie. È quanto emerge dal sondaggio Young Adult Survey Switzerland (YASS) di «ch-x, Inchieste federali fra la gioventù». L’ottenimento di una maturità federale o di un Attestato federale di capacità (AFC) è spesso determinante per la percezione di benessere, mostrano i risultati dell’inchiesta pubblicata oggi e a cui hanno partecipato 70’000 diciannovenni. I giovani senza una formazione di grado secondario sono tra i più numerosi a giudicare negativamente il loro futuro, a indicare una mancanza di fiducia in loro stessi, a essere meno sportivi e a bere più quantità di alcool durante i weekend.

Il 90% dei 19.enni intervistati in possesso di una formazione professionale hanno un’entrata finanziaria: ma se tra gli uomini la media si situa tra 1000 e 2000 franchi, tra le donne viene indicato più spesso un introito inferiore ai 1000 franchi. L’inchiesta, che si svolge su un periodo biennale, viene effettuata ogni quattro anni. I dati presentati oggi si basano sui risultati forniti dai 19.enni del 2014 e del 2015. Un terzo ciclo è in programma nel biennio 2018-2019. I sondaggi sono effettuati durante il reclutamento militare e completati da un campione rappresentativo di giovani donne. Le domande sono praticamente uguali ed è così possibile confrontare l’evoluzione dei risultati a distanza di anni.

Difficoltà finanziarie per 30% giovani

Dall’inchiesta emerge che il 30% dei giovani intervistati è già stato confrontato con difficoltà finanziarie nel corso della vita. Nella Svizzera italiana i valori sono nella media nazionale, mentre in Romandia la quota è più elevata. I dati mostrano che i problemi di carattere finanziario si verificano tra i giovani adulti privi di una formazione post obbligatoria. Indipendente dal grado di formazione, il rischio di essere confrontati con problemi finanziari è più alto per i giovani provenienti da famiglie con condizioni economiche modeste rispetto a chi è cresciuto in una famiglia finanziariamente solida. «Questo effetto è però più debole rispetto a quanto osservato nel primo ciclo di inchieste del 2010/11», precisa «ch-x».

Stato più severo

Ai 19.enni è stato chiesto di rispondere a domande legate all’identificazione ai valori della vita pubblica: i giovani adulti sono chiaramente favorevoli a uno Stato che punisca più severamente i criminali e chi provoca disordini. Inoltre, chi è favorevole a interventi autoritari da parte dello Stato ha anche più tendenza a ricorrere alla violenza. Secondo l’inchiesta, il 33% tende ad avere atteggiamenti xenofobi e circa il 20% mostra inclinazioni omofobe, ma la quota in questi due ambiti è più bassa rispetto ai dati raccolti quattro anni prima. Per quanto riguarda l’orientamento politico, la polarizzazione a destra dei giovani elvetici registrata nel 2010-2011 non viene confermata nei risultati del 2014-2015. A guadagnare terreno è invece il centro, mentre le posizioni di sinistra sono più presenti tra i giovani adulti senza formazione o con una formazione generale.

I risultati si basano su indagini condotte 4 o 5 anni fa, dunque è necessario osservare una certa prudenza nel tirare le somme ora, in particolare per quanto riguarda le convinzioni politiche, rileva Luca Bertossa, responsabile scientifico di ch-x.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Curiosità
  • 1