Vita da mamma ai tempi del coronavirus

La storia

Jennifer si è reinventata creando un profilo Instagram: «Propongo attività da svolgere con i nostri bimbi in Ticino»

Vita da mamma ai tempi del coronavirus
© CdT/Chiara Zocchetti

Vita da mamma ai tempi del coronavirus

© CdT/Chiara Zocchetti

Reinventarsi. Quante volte, durante la pandemia, abbiamo sentito o letto questa parola? Tante. Come tante, a ben vedere, sono le persone rifugiatesi su Internet in questi ultimi mesi. Per, appunto, mandare avanti l’azienda o cominciare una nuova attività. Reinventarsi, già. I numeri, manco a dirlo, danno una dimensione del fenomeno. Prendiamo l’Italia: nel 2020, i domini con il suffisso «.it» sono cresciuti del 13,2% rispetto al 2019. Urca. Anche in Svizzera e in Ticino, di riflesso, è cresciuta la voglia di sperimentare o, comunque, trasferire sul web una determinata passione. Lo sa bene Jennifer Jobin, una mamma di Molino Nuovo. Il lockdown, le restrizioni e l’improvvisa mancanza di sbocchi l’hanno portata a chiedersi: e adesso? La risposta è stata un profilo Instagram – vitadamamma.ti – creato per superare la noia, la monotonia e l’apparente senso di smarrimento. E rivolto a chi, con figli al seguito, non sapeva e non sa bene come muoversi. «Innanzitutto sono una mamma» dice Jennifer. «Ho un bimbo di nome Ryan e mi sono detta: come posso intrattenerlo in un momento storico del genere? Ho messo in piedi questo profilo per condividere le mie esperienze e la cosa, devo dire, sta andando abbastanza bene. Il seguito è discreto. La mia idea, alla lunga, è di diventare un piccolo, grande punto di riferimento in Ticino per tutte le mamme. Offro spunti per intrattenere i nostri bimbi ai tempi del coronavirus, spiegando cosa è possibile fare o, ancora, quali lavoretti possiamo inventarci quando magari fuori piove».

Il parco più bello? Melide

Girando, Jennifer e la sua famiglia hanno scoperto un Ticino diverso. Turistico, se vogliamo. Pieno zeppo di cose da fare e attività nonostante, come detto, le nostre libertà attualmente siano limitate. «Ho scoperto, proprio di recente, un agriturismo che propone latte al cento percento bio. Realtà, queste, adatte anche ai bambini. Alla fine, il Ticino offre davvero molto. Diversi commenti che ricevo, per dire, sono del tipo: ah, non sapevo che anche da noi ci fosse una cosa dal genere». Fra gli obiettivi di Jennifer ci sono anche i parchi giochi: «Li stiamo visitando tutti, davvero. Ryan si diverte un mondo, io posso farmi un’idea e una sorta di classifica e, allo stesso tempo, fare una sorta di mappatura. Ad esempio, qui ci sono i giochi con la sabbia e qui no. E via discorrendo. Il coronavirus limita, e di molto, le nostre possibilità. Ma di cose da fare e vedere, da noi, ce ne sono in quantità». E a proposito di parchi, Jennifer ne ha uno che predilige particolarmente: «Nel Luganese ce ne sono di belli; quello di Melide è a misura di bimbo. Con il suo vascello di giochi, piace un sacco anche al mio Ryan».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1