Luciano Ligabue e la prova del... «Sette»

Recensione

Per il rocker di Correggio un nuovo disco di inediti e una raccolta dei singoli pubblicati finora

Luciano Ligabue e la prova del... «Sette»
Ligabue durante l’esibizione alla Resega di Lugano il 6 settembre 2017. © CdT/Archivio

Luciano Ligabue e la prova del... «Sette»

Ligabue durante l’esibizione alla Resega di Lugano il 6 settembre 2017. © CdT/Archivio

Facile immaginare Luciano Ligabue come un leone in gabbia durante il lockdown. Uomo da stadi, da bagni di folla, amante delle celebrazioni (soprattutto delle autocelebrazioni) si vede negare l’accesso al suo habitat naturale, proprio adesso. Proprio in questo 2020 che segna il trentesimo anniversario del suo primo album, una ricorrenza importante, da festeggiare «su e giù dal palco» con mille iniziative, e invece... E invece la COVID-19 è arrivata anche a Correggio e il Liga, come tutti i musicisti, ha dovuto rivedere i suoi piani. All’infinito, anche se ha già annunciato che il 19 giugno 2021 inaugurerà la RCF Arena di Campovolo (e dove se no?) con un concerto–evento intitolato «30 anni in un nuovo giorno». Incrociamo le dita, non (solo) per lui. E nel frattempo? Nel frattempo preparando una doppia raccolta, gli è scappato fuori un nuovo album, dal titolo e dalla copertina, per la verità, non troppo accattivanti: 7 (come il numero delle canzoni che contiene) recupera, innanzitutto, uno spunto antico registrato con Elisa, Volente o nolente, che risale all’epoca degli Ostacoli del cuore e che forte di un verso – «Fosse per me qui sarebbe Natale sempre» – si presta anche all’occasione dicembrina. Il singolo La ragazza dei tuoi sogni e Essere umano sono sovrapprodotte, ma Mi ci pulisco il cuore, Un minuto fa e Oggi ho perso le chiavi di casa sono ballate elettroacustiche che riportano alle origini e Si dice che è fatta per far saltare la gente sotto il palco. Il disco è tutto qui. Conciso, breve, il più centrato da tanto tempo.

Luciano Ligabue «7» e «77+7» (Warner Bros, 2020).
Luciano Ligabue «7» e «77+7» (Warner Bros, 2020).

Tutti i singoli in un unico box
7 esiste come disco a sé stante, oppure come «bonus» della raccolta 77+7 che raccoglie i singoli pubblicati finora (che sono, appunto, 77) oltre alle nuove canzoni. Impossibile elencare i brani diciamo che ogni canzone celebre di Ligabue è compresa in questa monumentale raccolta rimasterizzata dal cantautore assieme al ritrovato Fabrizio Barbacci che è anche coproduttore del disco inedito (e questo, probabilmente, spiega il sound antico). Quindi chi vuole solo gli inediti può prendere solo il disco nuovo (disponibile anche in vinile colorato, rosso o blu), chi vuole regalarsi o regalare il box per Natale troverà il vecchio e il nuovo Ligabue.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 50, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Dischi
  • 1

    Lana Del Rey, la regina del «dream pop

    Recensione

    L’artista americana convince con «Chemtrails over the country club» una raccolta di brani intimisti e crepuscolari cantati con voce trasognata – E nel frattempo ha già ultimato un nuovo disco la cui pubblicazione è prevista per luglio...

  • 2

    Il ritorno di Cybophonia

    Recensione

    Dopo sette anni di silenzio torna l’artista locarnese che fu uno all’inizio del Millennio tra i paladini della «lounge» anche a livello internazionale e che ora di «reinventa» pop singer

  • 3

    Nick Cave tra poesia e strategie commerciali

    recensione

    Esce solo in formato digitale «Carnage», il nuovo lavoro realizzato dall’artista australiano assieme al suo fido collaboratore Warren Ellis, che rimanda di qualche mese, per ragioni di puro calcolo economico, l’attesa pubblicazione su compact e vinile

  • 4

    Quando Bob Dylan incontrò George Harrison

    Recensione

    Arriva nei negozi «1970», tre dischi con le registrazioni delle leggendarie session che cinquant’anni fa portarono l’artista alla realizzazione di «Self Portrait» e «New Morning» ma che includono anche nove inedite collaborazioni tra il menestrello di Duluth e il «Quiet Beatle»

  • 5

    Steven Wilson guarda avanti

    recensione

    Con «The Futures Bites» il grande stakanovista del rock britannico si discosta da quell’«area prog» di cui è da anni il moderno alfiere per aprirsi ad atmosfere sonore differenti dove l’elettronica è messa al servizio di un originale pop e addirittura della «dance»

  • 1
  • 1