Aliquota globale al 15% per le multinazionali: cosa cambia per la Svizzera?

La novità

Ne parliamo con Samuele Vorpe, responsabile del Centro competenze tributarie della SUPSI

Aliquota globale al 15% per le multinazionali: cosa cambia per la Svizzera?
Il colosso americano Amazon. © AP

Aliquota globale al 15% per le multinazionali: cosa cambia per la Svizzera?

Il colosso americano Amazon. © AP

I Ministri delle finanze del G7 hanno raggiunto un accordo, subito definito «storico», sul principio di una aliquota globale minima del 15% per la tassazione delle grandi imprese multinazionali. Un capitolo importante nella lunga trattativa – in corso da quattro anni – fra i Paesi del G7, ovvero Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Canada, Italia e Giappone. La «corporate tax» minima per le società multinazionali potrebbe dunque venir finalmente raggiunta, stemperando alcune tensioni nate in passato fra USA ed Europa legate proprio alla fiscalità delle grandi imprese.

I due pilastri

L’intesa raggiunta sabato a Londra si fonda essenzialmente su due pilastri. Il primo: l’introduzione, appunto, del principio di un’aliquota globale minima del 15% per le multinazionali, da applicare Paese...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Finanze, la Svizzera torna alla normalità

    pandemia

    Fondamentale per affrontare l’emergenza sanitaria è stata la buona salute delle finanze del paese prima dello scoppio della crisi - La parola alla direttrice dell’Amministrazione federale delle finanze D’Amelio-Favez

  • 3

    Se un buon espresso rischia di costare caro

    a tavola

    Le quotazioni del caffè galoppano spinte sia dalla ripresa della domanda sia dalla minore offerta - Pesano le catastrofi climatiche e le strozzature della logistica - Secondo gli analisti tra pochi mesi lo scontrino al bar potrebbe diventare più salato

  • 4
  • 5

    Flussi finanziari dell’UE sotto stretta vigilanza

    Giustizia

    La neonata Procura europea (EPPO) con sede in Lussemburgo è diretta da Laura Codruta Kövesi e ha lo scopo di indagare su corruzione, frodi e riciclaggio di denaro nei Paesi membri - Tramite i suoi 22 procuratori nazionali monitora anche i fondi del Recovery

  • 1
  • 1