Anche Manor si adegua e introduce la spesa a domicilio

Emergenza sanitaria

Nei supermercati del gruppo sarà ora possibile effettuare ordinazioni e prevedere la fornitura a domicilio, come pure ritirare sul posto i prodotti - Lidl intanto avvia una collaborazione con l’app «Five up»

Anche Manor si adegua e introduce la spesa a domicilio
© CDT/Chiara Zocchetti

Anche Manor si adegua e introduce la spesa a domicilio

© CDT/Chiara Zocchetti

Manor amplia l’offerta per coloro che non possono raggiungere i suoi supermercati a causa del coronavirus: la catena svizzera di grandi magazzini ha introdotto un servizio di consegna a domicilio in 30 supermercati Manor Food. Sul sito online manor.ch sono inoltre ora disponibili 150 alimenti di base.

A causa del coronavirus i principali fornitori di generi alimentari online sono sotto pressione e Manor risponde all’emergenza, si legge in comunicato odierno. Nei supermercati sarà ora possibile effettuare ordinazioni e prevedere la fornitura a domicilio, come pure ritirare sul posto i prodotti ordinati.

Durante i normali orari di apertura dei negozi saranno accolti gli ordini di generi alimentari per telefono e nei prossimi giorni anche per e-mail. Le consegne avverranno tempestivamente: in caso di domanda normale, entro due giorni in un raggio di 30 chilometri.

Il servizio di consegna a domicilio è gratuito per i clienti residenti nel raggio di 10 chilometri. Tra i 10 e i 20 chilometri si stima un contributo alle spese di 15 franchi. La quantità minima d’ordine è pari a 50 franchi. È possibile pagare con carta fedeltà Manor, carta di credito, fattura singola e contanti: per motivi igienici, tuttavia, il pagamento con carta è preferibile.

Per accelerare il processo di ordine, gli specialisti Manor hanno inoltre assemblato per i clienti tre pacchetti di base (normale, senza lattosio e senza glutine) e un pacchetto «igiene».

«Le situazioni eccezionali richiedono soluzioni creative e rapide», afferma Rolf Boje, dirigente presso Manor, citato nella nota. «Per sostenere i nostri clienti anche in questa situazione straordinaria, in pochi giorni abbiamo lanciato un servizio di consegna a domicilio e di raccolta. Purtroppo non tutti in Svizzera possono contare sul sostegno delle famiglie, degli amici e dell’aiuto del vicinato. Nell’attuale situazione eccezionale, gli anziani e le persone particolarmente a rischio dovrebbero rimanere a casa e non essere costretti a fare acquisti per conto proprio».

Sul sito online di Manor è aumentata la richiesta, per esempio, di giocattoli e di articoli per l’home office. Finora non erano però disponibili genere alimentari, ma la situazione è cambiata: l’impresa offre attualmente 150 alimenti di base per il fabbisogno quotidiano, oltre ai prodotti dei reparti profumeria, moda, sport, cartoleria, casa e multimedia.

Manor ha sede a Basilea ed è leader nel settore dei grandi magazzini in Svizzera, con una quota di mercato di circa il 60%. Ha circa 9100 collaboratori.

Lidl collabora con «Five up»

Lidl Svizzera ha avviato una partnership con l’app «Five up» e supporta finanziariamente l’organizzazione. l’app fa arrivare aiuto là dove è richiesto mettendo in contatto volontari con privati, associazioni e organizzazioni. L’app «Five up» è stata sviluppata per il coordinamento del lavoro volontario. Tra gli altri, l’iniziativa è supportata anche dalla Società svizzera di utilità pubblica (SSUP) e da privati. Dall’agosto 2019, la SSUP supporta lo sviluppo dell’app «Five up» per coordinare in modo semplice e gratuito il lavoro volontario a livello nazionale.

Sulla piattaforma «Five up» ci si può registrare gratuitamente e creare gruppi chiusi per coordinare più facilmente gli aiuti nel vicinato. In questo modo, grazie a «Five up» si vede subito dove è necessario aiuto e dove altre persone si sono già registrate.

L’app è particolarmente adatta per la creazione di gruppi di quartiere per l’aiuto reciproco di assistenza e supporto nel vicinato. Inoltre, è possibile creare gruppi nei quali i compiti vengono assegnati modo spontaneo e coordinati in modo chiaro. Le persone più anziane che non possiedono uno smartphone possono essere raggiunte tramite volantino nella buca delle lettere riportante un numero da chiamare.

A tal proposito Georg Kröll, CEO di Lidl Svizzera, afferma: «In questo momento difficile vogliamo aiutare la popolazione svizzera con tutti i mezzi possibili. L’impegno di «Five up» è esemplare ed è bello vedere come le persone si aiutano l’un l’altra. Vogliamo supportare questa idea».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Ermotti: «UBS rilevata? Non ci credo»

    banche

    Il CEO uscente dell’istituto di credito ritiene difficile che la banca possa essere acquisita da una concorrente, anche se l’istituto ha una capitalizzazione di mercato relativamente bassa

  • 3
  • 4

    UBS Lugano e Locarno: cent’anni in pieno slancio

    piazza finanziaria

    Nel 1920 in Ticino vennero aperte le prime due filiali della grande banca, oggi diventate 17 - Ora la sfida del coronavirus si aggiunge a trend strutturali come quelli della digitalizzazione e della finanza sostenibile

  • 5

    «Nuovo lockdown sempre più probabile»

    pandemia

    È l’opinione del direttore del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo che si dice favorevole a misure che siano più forte e corte possibili - La formula di due settimane tuttavia per lui è «un’utopia»

  • 1
  • 1