Borsa a picco per il coronavirus

Mercati

La Borsa di Zurigo ha perso il 3,58% sull’onda dei timori per la crescita mondiale - A Milano calo del 5,43% - Colpiti soprattutto i settori dei viaggi, del lusso e quelli legati all’export - Mandruzzato: «Metallo giallo ricercato come bene rifugio, per contro tonfo del petrolio»

Borsa a picco per il coronavirus
In Italia sospese molte attività (fra cui le visite al Duomo di Milano). Il rischio di ripercussioni economiche aumenta. © Keystone

Borsa a picco per il coronavirus

In Italia sospese molte attività (fra cui le visite al Duomo di Milano). Il rischio di ripercussioni economiche aumenta. © Keystone

Borse europee al tappeto. La veloce diffusione del coronavirus in Italia (vedi alle pagine 2 e 3) spaventa gli investitori, che continuano a interrogarsi sull’impatto della malattia sull’economia europea e mondiale. Di riflesso, beni rifugio come l’oro e il franco sono stati molto richiesti.

La seduta a Zurigo è stata pesante: l’indice guida SMI ha ceduto il 3,58% a 10.712,84 punti, quello allargato SPI il 3,53% a 12.926,59 punti.

Ancora più profondo il rosso a Milano. In chiusura il Ftse Mib ha ceduto il 5,43% a quota 23.427 punti. Piazza Affari azzera così i guadagni da inizio 2020. Anche le altre Borse europee hanno vissuto una giornata di passione: Francoforte ha perso il 4,01%, Londra il 3,24%, Parigi il 3,94%. A Wall Street i principali indici in serata segnavano cali superiori al 3%....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Il coronavirus impoverisce i «paperoni»

    economia

    Secondo la classifica annuale di Forbes, il 51% dei miliardari in lista è più povero dell’anno precedente - Per il terzo anno consecutivo, Jeff Bezos si conferma il più ricco al mondo, seguito da Bill Gates e Bernard Arnault

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    L’IPG verrà tassata come reddito

    Lavoro

    Le indennità di perdita di guadagno versate ai lavoratori indipendenti e ai salariati colpiti dalla crisi del coronavirus non andranno esenti da imposte, afferma l’Amministrazione federale delle contribuzioni

  • 1
  • 1