Borsa svizzera rinuncia a inasprire regole di trasparenza

ZURIGO - L'organo di controllo della Borsa svizzera, SIX Exchange Regulation, rinuncia a inasprire le regole di trasparenza: le società quotate non dovranno rendere pubblici gli onorari versati alle società di consulenza - come l'americana ISS - che forniscono consigli riguardo a come votare nelle assemblee generali.

In un comunicato odierno SIX rende nota la sospensione del suo progetto, invitando però nel contempo il mondo politico ad intervenire per via legislativa. I vertici della borsa si riservano il diritto di tornare ad attivarsi se non migliorerà la trasparenza.

Il problema di fondo è generato dal doppio ruolo svolto da queste aziende. L'ISS è ad esempio stata accusata di rendere comprabili, da parte delle stesse imprese interessate, le sue raccomandazioni, attraverso la sottoscrizione di mandati di consulenza. La società respinge l'accusa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Economia
  • 1