Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

Ticino

Attesa per i dettagli che verranno decisi dal Gran Consiglio - Ma la procedura può implicare numerosi documenti
Cristina Maderni: «Per i fiduciari sfida impegnativa, perché per ricevere il sostegno vanno certificati anche i conti delle PMI»

Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza
È molto probabile che saranno numerose le aziende che chiederanno gli aiuti previsti per i casi di rigore.  ©CDT/Chiara Zocchetti

Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

È molto probabile che saranno numerose le aziende che chiederanno gli aiuti previsti per i casi di rigore.  ©CDT/Chiara Zocchetti

Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza
Cristina Maderni

Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

Cristina Maderni

Nei giorni scorsi, il Consiglio federale ha allentato le condizioni per percepire gli aiuti destinati ai casi di rigore, esentando le aziende appartenenti ai settori “chiusi” dall’obbligo di dimostrare la diminuzione della cifra d’affari per ricevere le sovvenzioni. Questo, se da un canto per gli imprenditori è un fatto positivo, ha altresì creato molte incertezze su chi veramente può beneficiare degli aiuti e quale sia la procedura per accedevi. Anche perché si aspetta il voto, in agenda lunedì prossimo, da parte del Gran Consiglio ticinese, che dovrà definire i dettagli del piano. Tutto questo sta mettendo sotto pressione i fiduciari, che devono fornire la certificazione per le aziende. Ne abbiamo parlato con Cristina Maderni, presidente della Federazione delle Associazioni di fiduciarie...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    «Dati contraddittori, serve un approfondimento»

    Lavoro

    Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, sugli occupati in Ticino: «Difficile dare un’interpretazione» – Nel quarto trimestre il numero di posti nel cantone è diminuito del 4,4% mentre i lavoratori residenti all’estero su base annua sono aumentati dello 0,8% a 70.115 – Il trend diverso è in parte spiegabile con le differenti metodologie di calcolo delle statistiche

  • 3
  • 4
  • 5

    Borse, valute e materie prime

    index

    Se ne parla questa sera su TeleTicino alle 20.10 e in replica alle 22.45 - Conduce Lino Terlizzi, ospiti Sascha Kever di PKB e Filippo Fink di EFG

  • 1
  • 1