Caso Mozambico: Credit Suisse pagherà 475 milioni di dollari

finanza

Lo ha reso noto questa questa sera la Securities and Exchange Commission, l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza finanziaria - Da parte sua la Finma impone all’istituto condizioni per le nuove operazioni creditizie con Stati finanziariamente deboli

Caso Mozambico: Credit Suisse pagherà 475 milioni di dollari
© KEYSTONE/Urs Flueeler

Caso Mozambico: Credit Suisse pagherà 475 milioni di dollari

© KEYSTONE/Urs Flueeler

Il caso Mozambico costa caro a Credit Suisse: per chiuderlo la banca elvetica pagherà quasi 475 milioni di dollari alle autorità americane e britanniche. Lo ha reso noto questa questa sera la Securities and Exchange Commission, (SEC), l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza finanziaria. Da parte sua la Finma impone all’istituto condizioni per le nuove operazioni creditizie con Stati finanziariamente deboli.

Credit Suisse ha gravemente violato i requisiti in materia di organizzazione e l’obbligo di comunicazione sancito dalla Legge sul riciclaggio di denaro in relazione a operazioni creditizie del 2013 con imprese statali in Mozambico, annuncia l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) in una nota diffusa in serata.

Nella sua nota, la Finma aggiunge che conclude un’indagine di vigilanza e un procedimento di «enforcement» avviato a carico del gruppo Credit Suisse, in cui ha accertato il ruolo svolto dalla casa madre della banca in relazione a due significative operazioni creditizie delle filiali britanniche di Credit Suisse con imprese statali mozambicane.

Tali crediti, che costituivano circa il 6 per cento del prodotto interno lordo del Mozambico, erano destinati a finanziare soprattutto navi della guardia costiera e una flotta per la pesca del tonno, spiega la Finma. Parte dei fondi sarebbero però finiti nelle tasche di diverse persone sotto forma di tangenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1