Comprare casa è sempre più proibitivo

SVIZZERA

Nel terzo trimestre del 2021 l’indice dei prezzi degli immobili residenziali (IMPI) si è attestato a 107,8 punti, in progressione del 2,4% in confronto al periodo aprile-giugno e in crescita del 6,9% su base annua

Comprare casa è sempre più proibitivo
© CdT/Archivio

Comprare casa è sempre più proibitivo

© CdT/Archivio

Comprare casa è sempre più caro in Svizzera: nello spazio di un anno il costo di un alloggio in proprietà è salito di quasi il 7%, stando ai rilevamenti dell’Ufficio federale di statistica (UST).

Nel terzo trimestre del 2021 l’indice dei prezzi degli immobili residenziali (IMPI) si è attestato a 107,8 punti, in progressione del 2,4% in confronto al periodo aprile-giugno e in crescita del 6,9% su base annua, emerge dai dati pubblicati oggi. Le case unifamiliari hanno segnato rispettivamente +2,4% e +6,7% (relativo indice a 108,5), mentre gli appartamenti in proprietà mostrano variazioni di +2,3% e +7,2% (indice a 107,2). Stando alle analisi dell’UST gli aumenti di prezzo sono rilevabili in tutti i tipi di comuni: i più marcati - rispetto a tre mesi prima - vengono segnalati nelle località urbane di grandi agglomerati.

L’IMPI è un indicatore abbastanza nuovo. Viene calcolato a partire dal terzo trimestre 2020 (con i dati che risalgono sino al secondo trimestre 2019) sulla base di una media di 7000 transazioni registrate in tutta la Svizzera. L’UST fa riferimento a informazioni dei 26 principali istituti ipotecari del paese, che coprono un’ampia quota di mercato in quanto la stragrande maggioranza delle vendite immobiliari è finanziata mediante un mutuo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1