Credit Suisse concede crediti per 2,8 milioni

pandemia

Crediti fino a 500.000 franchi per un totale di 2,2 miliardi di franchi sono stati concessi a imprese più piccole e sono garantiti al 100% dalla Confederazione - Altri 600 milioni circa sono crediti concessi garantiti per l’85%

Credit Suisse concede crediti per 2,8 milioni
Walter Bieri/Keystone via AP

Credit Suisse concede crediti per 2,8 milioni

Walter Bieri/Keystone via AP

Credit Suisse ha concesso 15’400 crediti per un volume totale di 2,8 miliardi di franchi a causa della crisi del coronavirus. Il nuovo sistema ha funzionato bene, ha detto il presidente del consiglio di amministrazione del numero due bancario elvetico Urs Rohner alla trasmissione «Samstagsrundschau» della radio svizzerotedesca SRF.

Crediti fino a 500’000 franchi per un totale di 2,2 miliardi di franchi sono stati concessi a imprese più piccole e sono garantiti al 100% dalla Confederazione. Altri circa 600 milioni di franchi sono crediti concessi garantiti dalla Confederazione per l’85%.

È importante rendere il denaro disponibile rapidamente ed evitare gravi carenze di liquidità. Le transazioni sono state relativamente informali, possibili in 15 minuti, ha precisato Rohner. Questo dimostra che in Svizzera, anche in caso di crisi, si può ottenere molto rapidamente qualcosa se tutti lavorano insieme, ha precisato.

Nonostante le banche non guadagnino direttamente da questi prestiti, è possibile un effetto indiretto, ossia che ci siano meno fallimenti, ha detto Rohner.

Anche il Credit Suisse è stato confrontato con persone che hanno tentato di ottenere prestiti in modo fraudolento, ma si è trattato solo dello 0,4% dei casi. Tali persone hanno abbellito il fatturato per avere un credito.

Secondo Rohner, la crisi del coronavirus lascerà il segno, ma nel complesso Credit Suisse è in una «condizione robusta». Ora occorre attendere e vedere l’evoluzione nei prossimi trimestri. Le imprese in Svizzera sono ben capitalizzate e dispongono di riserve, l’attività prosegue in modo relativamente normale. Tuttavia sul piano internazionale la situazione è differente. La banca dovrà fare accantonamenti. Nel primo trimestre era già stato accantonato un miliardo di franchi, ha detto Rohner.

Meno personale richiesto

Per quanto riguarda lo sviluppo del personale al Credit Suisse, Rohner ha detto che a medio termine sarà necessario meno personale in alcuni settori. Questo non è un effetto diretto della crisi di coronavirus, ha aggiunto, ma anche il risultato della digitalizzazione, che però ha subito un’accelerazione a causa del periodo di pandemia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Con la pandemia schizza alle stelle il debito pubblico

    economia

    La politica ha risposto all’emergenza stanziando 11.000 miliardi e il debito pubblico ha superato il picco registrato alla fine della Seconda Guerra Mondiale - Secondo il Fondo Monetario internazionale «molti dei posti di lavoro distrutti probabilmente non torneranno. Sarà necessario facilitare il trasferimento di risorse da settori in ritirata verso settori che crescono»

  • 2

    Aziende ancora ottimiste, Ticino pronto al recupero

    Coronavirus

    Da un sondaggio di UBS su 2500 imprese emerge che a medio termine il 71% degli interpellati prevede un livello di fatturato simile o superiore a quello registrato nel 2019 - A sud delle Alpi la quota sale all’80%

  • 3
  • 4

    Le aziende sono fiduciose: «La ripresa ci sarà»

    Lo studio

    Secondo un sondaggio di UBS, il 71% delle imprese, anche ticinesi, prevede che nel 2022 avrà un fatturato uguale o superiore a quello del 2019 - L’87% si aspetta di avere un numero di dipendenti uguale o superiore

  • 5

    La Borsa svizzera apre in rialzo

    economia

    L’indice dei valori guida SMI segnava 10’224,81 punti, in progressione dello 0,46% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,38% a 12’650,20 punti

  • 1
  • 1