Debutti in Borsa, frena l’entusiasmo

aziende

Dopo nove mesi da record per le nuove quotazioni societarie sui listini, nelle ultime settimane l’appetito degli investitori era in calo - Diversi sbarchi sono stati sospesi sulla scia dei timori di una crisi del debito in Cina, dell’aumento dell’inflazione e di una performance fiacca sui mercati finanziari

Debutti in Borsa, frena l’entusiasmo
©shutterstock

Debutti in Borsa, frena l’entusiasmo

©shutterstock

Avrebbe dovuto essere un anno bollente per gli sbarchi delle aziende in Borsa. E invece il business delle offerte pubbliche iniziali (IPO) inizia a mostrare segni di rallentamento. Infatti, le preoccupazioni per l’inflazione, i timori di una crisi a largo raggio in Cina scatenata da Evergrande e in generale un settembre piuttosto fiacco in Borsa hanno fatto calare l’appetito degli investitori in tutta Europa, dopo nove mesi di tutto rispetto. La Svizzera non è esente dal fenomeno. «Abbiamo visto qualcosa come uno sciopero degli acquirenti - un termine che non usavo da molto tempo», ha detto un analista bancario. «Il mercato è diventato piuttosto turbolento e gli investitori sono riluttanti a mettere soldi nelle IPO».

Spac senza successo

Secondo uno studio della società di revisione EY il terzo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1