Diverse grandi banche continuano a riciclare denaro sporco

Economia

È quanto emerge da una ricerca condotta dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (CIGI)

Diverse grandi banche continuano a riciclare denaro sporco
© Shutterstock

Diverse grandi banche continuano a riciclare denaro sporco

© Shutterstock

(Aggiornato il 21 settembre alle 07.57) Alcune grandi banche continuano riciclare denaro sporco nonostante i dispositivi in vigore per combattere questa pratica. È quanto emerge da una ricerca condotta dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (CIGI) e fatta pervenire stasera a diversi media, tra i quali il Tages Anzeiger, che aderisce al CIGI.

Il Consorzio, che riunisce diverse centinaia di giornalisti provenienti da una novantina di paesi di tutto il mondo, cita diverse importanti banche attive a livello mondiale che, nonostante le multe per il riciclaggio di denaro sporco, continuano a spostare cifre miliardarie di origine poco chiara: tra di esse Deutsche Bank, JPMorgan, HSBC, Standard Chartered e Bank of New York Mellon.

Il CIGI fonda le sue informazioni su una fuga di dati riguardanti segnalazioni sospette di riciclaggio di denaro al Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) del Dipartimento del Tesoro statunitense, a cui il portale online newyorkese BuzzFeed ha avuto accesso. Questi dati sono stati elaborati nell’ultimo anno e mezzo dai giornalisti del Consorzio.

Dalla ricerca, emerge queste banche avrebbero accettato come clienti presunti criminali, mafiosi, truffatori milionari e oligarchi ed eseguito bonifici per conto loro. Avrebbero segnalato in seguito questi casi a volte con piccoli ritardi, altre volte dopo diversi anni, precisa il CIGI sul suo sito internet. L’importo totale delle transazioni si aggirerebbe attorno ai due mila miliardi di dollari USA.

I dati rivelati dal consorzio contengono anche informazioni sugli istituti di credito in Svizzera, che concernono 2051 transazioni. Circa 3,7 miliardi di dollari sono stati ricevuti in relazione a banche svizzere e circa 4,2 miliardi di dollari sono stati registrati come denaro in uscita.

Citate in relazione alle transazioni sospette figurano numerose banche svizzere, come Credit Suisse, UBS, Bank Vontobel, Raiffeisen, Pictet, Julius Baer, Bank Sarasin e Banca cantonale di Zurigo (ZKB). Sono inoltre menzionate numerose banche estere con filiali in Svizzera.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1