Gli affitti svizzeri resistono alle pressioni del virus ma calano in Ticino

immobiliare

Mentre in Svizzera i canoni di locazione in giugno sono rimasti stabili, a Sud delle Alpi sono scesi dell’1%: l’eccesso di offerta e la popolazione in calo mettono il mercato sotto pressione

Gli affitti svizzeri resistono alle pressioni del virus ma calano in Ticino
© CdT/Zocchetti

Gli affitti svizzeri resistono alle pressioni del virus ma calano in Ticino

© CdT/Zocchetti

Il mercato immobiliare in Svizzera ha affrontato in modo abbastanza robusto le distorsioni dell’economia svizzera causate dalla crisi sanitaria. Anche l’andamento dei prezzi nel mese di giugno fa sperare in una ripresa economica. Secondo lo Swiss Real Estate Offer Index elaborato da ImmoScout24 con la società di consulenza IAZI, nel mese di giugno i canoni di locazione sono rimasti stabili, con un leggero aumento dello 0,1% in tutta la Svizzera. La domanda di appartamenti in affitto rimane costante e il numero crescente di annunci indica una vivace attività di mercato. Anche il mercato immobiliare residenziale è stato risparmiato a giugno da uno shock legato alla crisi. Le case unifamiliari sono state pubblicizzate a prezzi superiori dello 0,6% rispetto a maggio. Un leggero calo (0,2%) è stato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1