Gli orologi svizzeri piacciono all’estero

Economia

Netto aumento dell’export in giugno: superato perfino il livello del 2019

Gli orologi svizzeri piacciono all’estero
© CdT/Archivio

Gli orologi svizzeri piacciono all’estero

© CdT/Archivio

Le vendite di orologi svizzeri all’estero si sono presentate in marcato aumento in giugno, a livelli che hanno superato quelli precedenti alla pandemia.

Stando ai dati diffusi oggi dalla Federazione dell’industria orologiera (FH), nel sesto mese dell’anno le esportazioni si sono attestate a 1,96 miliardi di franchi, il 71% in più dello stesso periodo dell’anno scorso, quando però vi era stato un crollo degli ordinativi a causa della pandemia.

Si assiste a un’accelerazione del ritorno alla normalità, commenta l’associazione con sede a Bienne (BE): in rapporto a giugno 2019 viene infatti osservato un incremento del 12,5%. Questo risultato definito rallegrante ha fatto sì che l’intero primo semestre si sia chiuso con dati stabili (-0,5% a 10,6 miliardi di franchi) rispetto allo stesso periodo di due anni or sono.

A livello regionale e tornando al mese che i romani dedicavano alla divinità di Giunone si osserva come quattro dei sei principali mercati presentino una crescita nel confronto con il 2019 pre-pandemico: è il caso in particolare degli Stati Uniti, salito a primo consumatore del Made in Switzerland, che beneficia di un balzo del 35% a 276 milioni di franchi. Ancora più marcata la progressione della Cina (+94% a 246 milioni), mentre al terzo posto (per quota di mercato) si classifica Hong Kong (+5% a 209 milioni), che partiva da una base già elevata, sottolinea FH. In progressione è anche Singapore (+15% a 112 milioni), mentre in contro tendenza sono Giappone (-11% a 120 milioni) e Regno Unito (-5% a 117 milioni).

Con accenti diversi appare l’andamento delle esportazioni in relazione ai segmenti di prezzo. Gli orologi di meno di 200 franchi hanno mostrato un calo (il confronto è sempre con due anni prima) del 14% in termini di valore, la gamma 200-500 una flessione pure del 14%, il comparto 500-3000 un incremento del 10% e la fascia oltre 3000 franchi un aumento del 18%.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    L’impatto di Evergrande sulla Svizzera

    ECONOMIA

    La paura si è fatta sentire in borsa, con gli indici di tutte le piazze che hanno perso sensibilmente terreno – Lunedì i titoli bancari UBS e Credit Suisse sono crollati del 7% – Secondo Bloomberg UBS avrebbe obbligazioni Evergrande per 276 milioni di dollari

  • 5

    FFS ancora sofferenti a causa della pandemia

    MOBILITÀ E COVID

    La perdita semestrale è di 30 milioni di franchi in più rispetto al 2020 e l’indebitamento è cresciuto notevolmente – Molti pendolari hanno continuato a lavorare da casa – Ma l’ex regia federale è fiduciosa che la ferrovia nel lungo termine tornerà a crescere in modo sostenuto

  • 1
  • 1