Il coronavirus ridurrà gli introiti fiscali nel 2021

Svizzera

Cantoni, città e comuni si aspettano un calo significativo delle entrate: è il risultato di uno studio condotto da PwC in collaborazione con l’Unione delle città svizzere

Il coronavirus ridurrà gli introiti fiscali nel 2021
© CdT/ Chiara Zocchetti

Il coronavirus ridurrà gli introiti fiscali nel 2021

© CdT/ Chiara Zocchetti

I cantoni, le città e i comuni svizzeri si aspettano un calo significativo delle entrate fiscali nel 2020 e nel 2021. È il risultato di uno studio condotto dalla società di revisione e consulenza PwC Svizzera in collaborazione con l’Unione delle città svizzere.

Secondo lo studio, la pandemia avrà un impatto notevole sul bilancio finanziario del 2021. Le perdite di entrate fiscali delle imprese (-23% per i cantoni, -16,6% per le città) sono più pronunciate di quelle dei privati (-1,1% per i cantoni, -1,6% per le città). Secondo gli autori, questo è probabilmente dovuto al fatto che le aziende sono più esposte ai rischi finanziari di Covid-19 rispetto ai privati. Questi ultimi, per esempio, ricevono un’indennità per il lavoro a tempo ridotto o, in caso di licenziamento, hanno diritto all’assicurazione contro la disoccupazione o all’assistenza sociale.

Dal 2022 le entrate fiscali dovrebbero nuovamente aumentare e la situazione dovrebbe ritornare alla normalità. La maggioranza dei partecipanti allo studio non ritiene che gli aumenti delle tasse siano un mezzo appropriato per contrastare le perdite fiscali causate dalla Covid-19.

Il debito dovrebbe registrare una forte crescita per gli anni dal 2019 al 2023 (cantoni con +36%, città con +72%). Nei cantoni l’incremento sarà brusco mentre nelle città e nei comuni più costante. Nei cantoni però il debito diminuirà più rapidamente. «Questo indica che i cantoni considerano che il loro ruolo sia quello di fornire aiuti di emergenza o in caso di difficoltà una tantum», ha detto Roland Schegg, co-autore dello studio e direttore di PwC Svizzera. Le città e i comuni dovranno invece affrontare gli effetti di Covid-19 sul lungo termine e questo graverà sui loro bilanci per diversi anni.

Lo studio è stato condotto in marzo e aprile 2021 con un questionario online e interviste.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Finanze, la Svizzera torna alla normalità

    pandemia

    Fondamentale per affrontare l’emergenza sanitaria è stata la buona salute delle finanze del paese prima dello scoppio della crisi - La parola alla direttrice dell’Amministrazione federale delle finanze D’Amelio-Favez

  • 3

    Se un buon espresso rischia di costare caro

    a tavola

    Le quotazioni del caffè galoppano spinte sia dalla ripresa della domanda sia dalla minore offerta - Pesano le catastrofi climatiche e le strozzature della logistica - Secondo gli analisti tra pochi mesi lo scontrino al bar potrebbe diventare più salato

  • 4
  • 5

    Flussi finanziari dell’UE sotto stretta vigilanza

    Giustizia

    La neonata Procura europea (EPPO) con sede in Lussemburgo è diretta da Laura Codruta Kövesi e ha lo scopo di indagare su corruzione, frodi e riciclaggio di denaro nei Paesi membri - Tramite i suoi 22 procuratori nazionali monitora anche i fondi del Recovery

  • 1
  • 1