Il Dow Jones supera i 30 mila punti: operatori fra prudenza e ottimismo

Mercati

Wall Street trainata dalla speranza sul vaccino e dalla scelta di Joe Biden di nominare Janet Yellen, già presidente della Fed, al Tesoro - Fink: «Le prospettive per gli investitori rimangono interessanti» - Scibona: «In questo momento mancano le alternative alla Borsa»

Il Dow Jones supera i 30 mila punti: operatori fra prudenza e ottimismo
Il superamento di quota 30 mila era atteso, come mostra il cappello di questo operatore.  ©AP/Nicole Pereira

Il Dow Jones supera i 30 mila punti: operatori fra prudenza e ottimismo

Il superamento di quota 30 mila era atteso, come mostra il cappello di questo operatore.  ©AP/Nicole Pereira

A Wall Street martedì l’indice Dow Jones ha stabilito un nuovo record storico, superando per la prima volta quota 30 mila punti, mettendo a segno un rialzo da inizio anno del 5,28% e del 61% dai minimi di marzo.

In generale, tutti gli indici borsistici hanno recuperato molto bene dopo la prima ondata di coronavirus, e alla base di questa ripresa vi sono munerosi fattori, fra cui la speranza in un vaccino e la conclusione delle elezioni americane. Quali sono gli scenari possibili per il futuro? Lo abbiamo chiesto a due esperti della piazza finanziaria ticinese.

«La crescita dell’indice Dow Jones di questi ultimi giorni - commenta Filippo Fink, investment specialist della banca EFG - è da ricondurre ai progressi nella messa a punto dei vaccini anti-coronavirus e all’avvio della transizione dei...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    «Dal dialogo con i collaboratori spesso soluzioni sorprendenti»

    Associazione svizzera impiegati di banca

    Cambi ai vertici per la direzione generale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB). A partire dal 1. di marzo Anne-Wienke Palm e Natalia Ferrara, già responsabile per ASIB Ticino, ricopriranno il ruolo di co-presidenti - A colloquio con Natalia Ferrara sulle sfide e gli obiettivi di questo nuovo ruolo.

  • 2
  • 3
  • 4

    Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

    Ticino

    Attesa per i dettagli che verranno decisi dal Gran Consiglio - Ma la procedura può implicare numerosi documenti
    Cristina Maderni: «Per i fiduciari sfida impegnativa, perché per ricevere il sostegno vanno certificati anche i conti delle PMI»

  • 5
  • 1
  • 1