Il Dragone rallenta la corsa, ma la crescita resta al 4,9%

Congiuntura

Nel terzo trimestre il PIL frena rispetto al 7,9% registrato del periodo precedente sull’onda dei timori per Evegrande e dei costi energetici - Khanniche: «Nel complesso l’economia cinese rimane solida»

Il Dragone rallenta la corsa, ma la crescita resta al 4,9%
L’attività economica rallenta. Ma il potenziale futuro rimane intatto. © AP

Il Dragone rallenta la corsa, ma la crescita resta al 4,9%

L’attività economica rallenta. Ma il potenziale futuro rimane intatto. © AP

Il Dragone rallenta la sua corsa, anche se la crescita rimane robusta: nel periodo luglio-settembre il PIL ha segnato un +4,9% annuo, ai minimi degli ultimi 12 mesi, dopo il +7,9% del secondo trimestre, il +12,7% del primo, e contro il +5,2% atteso dagli analisti. Il trend secondo gli esperti sconta la crisi energetica, i problemi del settore immobiliare con il caso Evergrande e i focolai della variante Delta. Comunque, le difficoltà dovrebbero essere più che altro temporanee, visto che per l’intero 2021 la crescita dovrebbe attestarsi ben sopra il 6% prudenziale fissato dal Governo a marzo: nei primi nove mesi dell’anno, il PIL è salito del 9,8% su base annua.

Un dato atteso«Questo dato era più o meno atteso - nota Sabrina Khanniche, economista senior di Pictet Asset Management - visto che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1