Il pagamento senza contanti cresce

Società

Complice la pandemia, il comportamento degli svizzeri alla cassa è cambiato: il 75% degli intervistati utilizza il metodo «contactless» - Ma le banconote resistono: la domanda è aumentata

Il pagamento senza contanti cresce
©CdT/Chiara Zocchetti

Il pagamento senza contanti cresce

©CdT/Chiara Zocchetti

La pandemia sta cambiando il comportamento degli svizzeri alle casse dei negozi: il 75% utilizza il pagamento senza contatto, una quota in sensibile aumento rispetto al 60% di un anno fa. Lo mostra un sondaggio rappresentativo condotto per conto del servizio di confronto online Comparis.

«Aumentando il limite per il pagamento senza contatto da 40 a 80 franchi, in aprile, gli emittenti svizzeri di carte hanno dato un chiaro impulso», osserva l’esperto di Comparis Michael Kuhn, citato in un comunicato.

L’evoluzione in atto è visibile anche sul fronte dei pagamenti con lo smartphone: il 7% della popolazione paga ora per lo più con Apple Pay, Samsung Pay e Twint. Nel 2019 la percentuale non superava il 2%. Prima del confinamento, il 27% aveva pagato con il cellulare almeno una volta alla settimana, in seguito la quota è salita al 32%.

La logica conseguenza è un calo dell’importanza del contante (N.B. solo per quanto riguarda i pagamenti, la domanda di banconote è fortemente aumentata durante il lockdown): precedentemente al lockdown veniva usato giornalmente dal 39%, dopo dal 25%. In un’ottica settimanale, il ricorso a monete e a banconote si è contratto passando dall’86% al 74%.

La crisi del coronavirus è stato un importante fattore per quest’evoluzione. Il 42% afferma di rinunciare all’uso dei contanti per paura di un’infezione e il 25% evita i terminali numerici delle carte. Il 44% in seguito alla COVID-19 tiene meno denaro contante nel portafoglio e uno su quattro ci rinuncia completamente.

Ciò nonostante le preoccupazioni degli svizzeri riguardo ai mezzi di pagamento digitali rimangono elevate. Ad esempio il 55% non è fiducioso che i sistemi funzionino sempre correttamente. Il 56% degli interrogati concorda con l’affermazione «trovo il denaro contante più semplice» e uno su sei non sa nemmeno come funziona il pagamento senza contatto.

La percentuale di coloro che ritengono che lo smartphone sostituirà a lungo termine le tradizionali carte di debito e di credito è rimasta quasi invariata rispetto all’anno precedente (44% contro 43%). Lo scetticismo si riflette anche nella risposta alla domanda «riuscite a immaginare la Svizzera senza contanti?» La maggioranza del 54% dice di no. Il timore è in particolare che traffico dei pagamenti sia troppo controllato.

«I risultati del sondaggio mostrano che deve ancora essere fatto un lavoro educativo da fornitori di servizi e politici per promuovere l’accettazione e quindi la diffusione dei mezzi di pagamento digitali», dice Kuhn. A suo avviso la crisi del coronavirus sta comunque attualmente fungendo da catalizzatore per l’industria del settore ed è un buon presupposto per un’ulteriore crescita.

Il rilevamento demoscopico è stato condotto in luglio dall’Istituto di ricerche di mercato Innofact su incarico di Comparis. Sono state interpellate 1011 persone in tutte le regioni del paese.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1