In Francia i colossi del web verranno tassati

economia

Nonostante le minacce di ritorsioni da parte degli Stati Uniti, il Paese è deciso ad andare fino in fondo: «Le aziende sottoposte a questa tassa hanno ricevuto un avviso di imposizione per il versamento degli acconti 2020», ha affermato il ministero francese dell’Economia

In Francia i colossi del web verranno tassati
© Shutterstock

In Francia i colossi del web verranno tassati

© Shutterstock

La Francia dichiara che applicherà la «web tax» per il 2020 nonostante le minacce di ritorsioni da parte degli Stati Uniti. In Europa, la Francia del presidente Emmanuel Macron è stato tra i Paesi più determinati per l’affermazione della cosiddetta «taxe GAFA» che punta a tassare i colossi del web.

A confermare che la tassa sui colossi del web verrà prelevata, come previsto, nel 2020, malgrado la minaccia di rappresaglie Usa su 1,3 miliardi di dollari di prodotti francesi, in particolare, su borse e cosmetici, è stato il ministero francese dell’Economia.

«Le aziende sottoposte a questa tassa hanno ricevuto un avviso di imposizione per il versamento degli acconti 2020», ha riferito la fonte di Parigi, confermando informazioni pubblicate dal Financial Times.

Secondo il quotidiano britannico, Facebook e Amazon «fanno parte di queste aziende». Così facendo, Parigi si espone al rischio di sanzioni americane, in piena transizione tra l’amministrazione di Donald Trump e quella di Joe Biden. Trump aveva già imposto dazi al 25% sui vini francesi nel quadro del conflitto sugli aiuti di Stato versati ad Airbus e Boeing.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    «Dal dialogo con i collaboratori spesso soluzioni sorprendenti»

    Associazione svizzera impiegati di banca

    Cambi ai vertici per la direzione generale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB). A partire dal 1. di marzo Anne-Wienke Palm e Natalia Ferrara, già responsabile per ASIB Ticino, ricopriranno il ruolo di co-presidenti - A colloquio con Natalia Ferrara sulle sfide e gli obiettivi di questo nuovo ruolo.

  • 2
  • 3
  • 4

    Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

    Ticino

    Attesa per i dettagli che verranno decisi dal Gran Consiglio - Ma la procedura può implicare numerosi documenti
    Cristina Maderni: «Per i fiduciari sfida impegnativa, perché per ricevere il sostegno vanno certificati anche i conti delle PMI»

  • 5
  • 1
  • 1