«In Ticino aziende a un bivio, serve un cambio di mentalità»

L’intervista

Secondo Antonio Mandrà, presidente del Gruppo VECO, nel cantone le imprese si trovano di fronte a sfide importanti

«In Ticino aziende a un bivio, serve un cambio di mentalità»
Digitalizzazione, nuove regole, collaborazioni, sono alcuni dei temi che necessitano di nuove visioni.  ©CDT/Putzu

«In Ticino aziende a un bivio, serve un cambio di mentalità»

Digitalizzazione, nuove regole, collaborazioni, sono alcuni dei temi che necessitano di nuove visioni.  ©CDT/Putzu

Le aziende ticinesi sono confrontate con grandi sfide. Ne abbiamo parlato con Antonio Mandrà, presidente del Gruppo VECO e CEO di VECO Advisory.

La pandemia per molte aziende ticinesi ha rappresentato un punto di svolta. Quali sono state le principali difficoltà ?

«Il 2020 è stato l’anno della svolta, che ha messo in risalto le criticità già esistenti di alcuni settori, mentre in altri casi ha accelerato la crescita. Il virus ha costretto le aziende a prendere decisioni molto velocemente rendendo possibili processi che in circostanze diverse avrebbero richiesto molti anni. Le aziende si sono trovate in carenza di approvvigionamento che ha portato a cercare nuovi canali, individuare nuovi fornitori, nuovi percorsi. In alcuni ambiti il calo di ordini da parte dei clienti ha messo in crisi le...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Finanze, la Svizzera torna alla normalità

    pandemia

    Fondamentale per affrontare l’emergenza sanitaria è stata la buona salute delle finanze del paese prima dello scoppio della crisi - La parola alla direttrice dell’Amministrazione federale delle finanze D’Amelio-Favez

  • 3

    Se un buon espresso rischia di costare caro

    a tavola

    Le quotazioni del caffè galoppano spinte sia dalla ripresa della domanda sia dalla minore offerta - Pesano le catastrofi climatiche e le strozzature della logistica - Secondo gli analisti tra pochi mesi lo scontrino al bar potrebbe diventare più salato

  • 4
  • 5

    Flussi finanziari dell’UE sotto stretta vigilanza

    Giustizia

    La neonata Procura europea (EPPO) con sede in Lussemburgo è diretta da Laura Codruta Kövesi e ha lo scopo di indagare su corruzione, frodi e riciclaggio di denaro nei Paesi membri - Tramite i suoi 22 procuratori nazionali monitora anche i fondi del Recovery

  • 1
  • 1