«In Ticino ci sono forti potenzialità»

Focus

Gian Maria Mossa, AD della Banca Generali, parla dei piani di crescita dell’istituto in Italia e in Svizzera - Dopo l’ingresso nella Valeur, non sono escluse altre acquisizioni a Lugano come pure a Zurigo e Ginevra

 «In Ticino ci sono forti potenzialità»

«In Ticino ci sono forti potenzialità»

Gian Maria Mossa, classe 1974, è amministratore delegato (AD) e direttore generale di Banca Generali, istituto bancario italiano controllato da Assicurazioni Generali e quotato in Borsa. Mossa ha lavorato in precedenza presso e RAS e poi presso Banca Fideuram. È entrato in Banca Generali nel 2013 come condirettore generale ed è stato nominato direttore generale nel 2016. Nel marzo del 2017 ha assunto la carica di amministratore delegato. Abbiamo incontrato Gian Maria Mossa nella sede milanese della banca e gli abbiamo posto alcune domande sulle attività e sulla strategia dell’istituto, oltre che sulla presenza di questo in Italia e in Svizzera.

Quali sono i punti principali su cui si basano le attività di Banca Generali?

«Le attività di Banca Generali sono basate sul private banking, sul wealth...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Boris Johnson andrà al G7

    washington

    Il premier britannico ha telefonato al presidente statunitense per confermare la sua presenza alla Casa Bianca a fine giugno

  • 2

    Merkel declina l’invito di Trump al G7

    Berlino-Washington

    Considerando la situazione complessiva della pandemia la cancelliera tedesca non può accordare la sua partecipazione personale per un viaggio alla Casa Bianca

  • 3

    Credit Suisse concede crediti per 2,8 milioni

    pandemia

    Crediti fino a 500.000 franchi per un totale di 2,2 miliardi di franchi sono stati concessi a imprese più piccole e sono garantiti al 100% dalla Confederazione - Altri 600 milioni circa sono crediti concessi garantiti per l’85%

  • 4
  • 5

    Caso Khan: Credit Suisse tiene testa alla Finma

    piazza finanziaria

    La grande banca contesta la nomina dell’incaricato d’inchiesta riguardo allo scandalo dei pedinamenti e porta l’autorità di vigilanza davanti al Tribunale federale - Bernasconi: «Il nodo è l’indipendenza» - Lombardini: «Ben venga la protezione giuridica»

  • 1
  • 1