L’industria è preoccupata: «Fatale un nuovo lockdown»

Svizzera

L’associazione Swissmechanic lancia l’allarme: «Dobbiamo impegnarci tutti, imprese e società» - Regazzi: «La situazione già ora è difficile, non sapremmo sopportare un nuovo confinamento»

L’industria è preoccupata: «Fatale un nuovo lockdown»
Per gli imprenditori un altro blocco della produzione non sarebbe sopportabile. ©CDT/Gabriele Putzu

L’industria è preoccupata: «Fatale un nuovo lockdown»

Per gli imprenditori un altro blocco della produzione non sarebbe sopportabile. ©CDT/Gabriele Putzu

La situazione sul fronte del coronavirus rappresenta una grande fonte di incertezza per il settore industriale svizzero, e soprattutto la prospettiva di un nuovo lockdown provoca molte preoccupazioni fra gli imprenditori. Per questo Swissmechanic, l’associazione delle piccole e medie imprese (PMI) attive nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica (MEM), ha lanciato un allarme: va assolutamente evitato un altro confinamento e per raggiungere questo obiettivo devono impegnarsi le imprese, ma anche la società.

Secondo Swissmechanic molte aziende si trovano in una situazione difficile, non poche faticano a sopravvivere. «In questa situazione critica un secondo lockdown sarebbe veleno», sostiene il presidente Roland Goethe, citato nella nota.

Che aria si respira all’interno del settore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1