L’industria svizzera degli orologi si difende e prepara la risalita

Focus

Dopo esser stato colpito nettamente dal virus il settore negli ultimi mesi ha registrato un minor calo delle esportazioni - I produttori di segnatempo elvetici puntano a limitare i danni quest’anno e poi a riguadagnare rapidamente terreno il prossimo

L’industria svizzera degli orologi si difende e prepara la risalita
©CdT/Archivio

L’industria svizzera degli orologi si difende e prepara la risalita

©CdT/Archivio

L’industria svizzera degli orologi rappresenta oltre il 50% del fatturato mondiale del settore ed esporta oltre il 90% della sua produzione. In termini di valore, il polo elvetico è il maggiore del settore a livello globale; in termini di pezzi prodotti, il predominio è invece del polo asiatico. La leadership svizzera è marcata nelle fasce di prezzo alta e medio-alta e ciò spiega la prevalenza elvetica sul versante del fatturato. Il prezzo medio nel 2019, secondi i dati della Federazione dell’industria orologiera svizzera (FH), è stato per gli orologi esportati dalla Svizzera pari a 998 dollari (908 franchi al cambio attuale), mentre per quelli dagli Stati Uniti è stato di 133 dollari, dalla Germania di 90 dollari, da Hong Kong di 29 dollari, dalla Cina di 4 dollari.

Dati e previsioni

Colpita...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1