L’inverno della disoccupazione

seco

In dicembre il tasso è progredito al 3,5% in Svizzera e al 3,8% in Ticino - Secondo la SECO la misura del lavoro ridotto ha evitato il peggio - Tuttavia nel 2020 la pandemia ha provocato un netto aumento del numero di senza lavoro: rispetto all’anno prima è salito del 40%

L’inverno della disoccupazione
© Shutterstock

L’inverno della disoccupazione

© Shutterstock

Come prevedibile lo scorso anno la pandemia ha lasciato segni ben tangibili anche sul mercato del lavoro, sia a livello nazionale sia a livello ticinese. Anche se, a detta degli esperti, la situazione in Svizzera alla fine si è rivelata più robusta del previsto, grazie soprattutto allo strumento del lavoro ridotto. «I peggiori timori di ondate di licenziamenti o di fallimenti non si sono avverati», ha commentato ieri Boris Zürcher, capo della Direzione del lavoro presso la SECO.

I numeri comunque sono in parte drammatici: a fine dicembre in tutto il Paese c’erano ben 163.545 persone registrate agli uffici regionali di collocamento (URC), il 40% il più rispetto a un anno fa. Il tasso di disoccupazione SECO, calcolato in rapporto alla popolazione attiva, è così salito al 3,5% (nel dicembre 2019...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1