L’Ue stanzia 10 milioni per i produttori agricoli colpiti dalla crisi

pandemia

I contributi straordinari sono destinati alle campagne di promozione per prodotti del settore agroalimentare, tra cui in particolare frutta e ortaggi, vino, latte e prodotti lattiero-caseari, piante vive e patate

L’Ue stanzia 10 milioni per i produttori agricoli colpiti dalla crisi
©CdT/Archivio

L’Ue stanzia 10 milioni per i produttori agricoli colpiti dalla crisi

©CdT/Archivio

La Commissione europea mette a disposizione 10 milioni di euro di contributi straordinari per campagne di promozione per i prodotti dei settori agroalimentari maggiormente colpiti dalla crisi dovuta alla pandemia. Frutta e ortaggi, vino, latte e prodotti lattiero-caseari, piante vive e patate per la trasformazione sono i settori ammissibili a due inviti a presentare proposte, da 5 milioni l’uno, aperti fino al 27 agosto 2020.

Uno è per i programmi «semplici», in cui possono inviare proposte una o più organizzazioni dello stesso paese dell’Ue. L’altro riguarda i programmi «multi», che possono essere presentati da almeno due organizzazioni nazionali di almeno due Stati membri o da organizzazioni europee. È la prima volta che la Commissione propone questo tipo di finanziamento, possibile quando le azioni di promozione sono considerate una risposta adeguata a gravi perturbazioni del mercato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Con la pandemia schizza alle stelle il debito pubblico

    economia

    La politica ha risposto all’emergenza stanziando 11.000 miliardi e il debito pubblico ha superato il picco registrato alla fine della Seconda Guerra Mondiale - Secondo il Fondo Monetario internazionale «molti dei posti di lavoro distrutti probabilmente non torneranno. Sarà necessario facilitare il trasferimento di risorse da settori in ritirata verso settori che crescono»

  • 2

    Aziende ancora ottimiste, Ticino pronto al recupero

    Coronavirus

    Da un sondaggio di UBS su 2500 imprese emerge che a medio termine il 71% degli interpellati prevede un livello di fatturato simile o superiore a quello registrato nel 2019 - A sud delle Alpi la quota sale all’80%

  • 3
  • 4

    Le aziende sono fiduciose: «La ripresa ci sarà»

    Lo studio

    Secondo un sondaggio di UBS, il 71% delle imprese, anche ticinesi, prevede che nel 2022 avrà un fatturato uguale o superiore a quello del 2019 - L’87% si aspetta di avere un numero di dipendenti uguale o superiore

  • 5

    La Borsa svizzera apre in rialzo

    economia

    L’indice dei valori guida SMI segnava 10’224,81 punti, in progressione dello 0,46% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,38% a 12’650,20 punti

  • 1
  • 1