La COVID lascia gli ospedali in cifre rosse

PANDEMIA

Il divieto di operazioni non urgenti durante la prima ondata di SARS-Cov-2 in primavera ha particolarmente colpito il fatturato degli istituti sanitar

La COVID lascia gli ospedali in cifre rosse
© CdT/Gabriele Putzu

La COVID lascia gli ospedali in cifre rosse

© CdT/Gabriele Putzu

L’epidemia di COVID-19 ha pesato profondamente sui bilanci degli ospedali svizzeri. Solo il 28% delle strutture per cure acute ha registrato risultati positivi nel 2020, rispetto al 60% dell’anno precedente.

Secondo uno studio pubblicato oggi dalla società di revisione PwC, il danno finanziario causato dal coronavirus a ospedali e cliniche è tra 1,3 e 1,5 miliardi di franchi; un importo che non include i contributi versati dai cantoni per sostenere gli istituti durante la pandemia.

Il divieto di operazioni non urgenti durante la prima ondata di SARS-Cov-2 in primavera ha particolarmente colpito il fatturato degli istituti sanitari. Il risultato è sceso del 4,2% nel settore ospedaliero stazionario. Il calo è stato invece meno pronunciato nel settore ambulatoriale, dove ha raggiunto lo 0,5%.

Anche in psichiatria i proventi sono stati leggermente inferiori al 2019, mentre la contrazione è risultata nettamente più marcata nel settore della riabilitazione.

Per il suo studio, PwC ha esaminato il mese scorso i rapporti annuali di 45 ospedali per casi acuti e 13 cliniche psichiatriche.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1