La fusione FCA-PSA prende il largo fra opportunità e sfide ampie

Focus economia

Il nuovo gruppo Stellantis ha punti di forza in Europa e in Nord America ma deve conquistare posizioni in Asia — I forti cambiamenti in atto nel settore dell’auto continuano a spingere i maggiori produttori verso alleanze, acquisizioni, unioni

La fusione FCA-PSA prende il largo fra opportunità e sfide ampie
Si concretizza la fusione tra l’italo-americana FCA (FIAT-Chrysler) e la francese PSA (Peugeot-Citroën). © KEYSTONE/EPA/JULIEN DE ROSA

La fusione FCA-PSA prende il largo fra opportunità e sfide ampie

Si concretizza la fusione tra l’italo-americana FCA (FIAT-Chrysler) e la francese PSA (Peugeot-Citroën). © KEYSTONE/EPA/JULIEN DE ROSA

Con la luce verde data nei giorni scorsi dalle rispettive assemblee degli azionisti, si concretizza la fusione tra l’italo-americana FCA (FIAT-Chrysler) e la francese PSA (Peugeot-Citroën). Prende così il largo il nuovo gruppo automobilistico Stellantis, che sarà quotato a breve alle Borse di Milano, Parigi, New York. L’annuncio dell’intesa sulla fusione era stato dato nel dicembre del 2019, la complessità dell’operazione e l’impatto del coronavirus hanno però indotto le due parti a rivedere alcuni aspetti del matrimonio nel corso del 2020.

Al quarto posto

Ora siamo al via. Sulla base dei dati annui del 2019, Stellantis è il quarto produttore mondiale di veicoli. La maggior parte delle classifiche sui principali gruppi del settore (ciascuno dei quali dispone di più marchi) indicano al primo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1