Sostituire una statista come Angela Merkel non sarà in ogni caso impresa facile. Ma nell’eredità che la stessa Merkel si accinge a lasciare alla Germania ci sono molti elementi di solidità e di stabilità, sia in politica che in economia. Dopo aver guidato Governi tedeschi per quattro legislature, cioè per 16 anni, Merkel tiene ora fede a quanto detto e non si ripropone per il cancellierato. Per sapere chi sarà il successore bisognerà naturalmente attendere l’esito delle elezioni del 26 settembre e, poi, i negoziati tra i partiti.

Il timoneEssendo più che probabile la conferma dell’isolamento dell’estrema destra populista AfD, la partita si giocherà tra i partiti maggiori (la democristiana CDU-CSU, la socialdemocratica SPD, i Verdi, la liberale FDP), sulla base ovviamente dei rapporti di forza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Economia
  • 1