La ripartenza tra mille difficoltà dell’industria MEM

economia

Quasi la metà delle società ha problemi di approvvigionamento, il 25% di gestione del personale - Tettamanti (Swissmechanic): «La crisi economica inizia ora, ci vuole tempo per riorganizzarsi e riposizionarsi»

 La ripartenza tra mille difficoltà dell’industria MEM
© CDT/Archivio

La ripartenza tra mille difficoltà dell’industria MEM

© CDT/Archivio

Chi prima chi dopo, le aziende hanno ricominciato a lavorare, ma per tante la ripartenza è tutta in salita. Non fanno eccezione le associate di Swissmechanic, che rappresenta 1.400 PMI svizzere e 60.000 posti di lavoro nell’industria meccanica, elettronica e metalmeccanica (MEM), per un fatturato annuale che supera i 15 miliardi. Stando a un’inchiesta del centro di ricerca congiunturale Bak Economics, quasi la metà delle imprese (il 42%) ha problemi di approvvigionamento, mentre una su quattro ha difficoltà a gestire l’organigramma a causa di assenze per quarantena, malattia o cura dei figli.

«Bisogna premettere - spiega Nicola Tettamanti, presidente della Commissione economia di Swissmechanic e CEO della Tecnopinz di Mezzovico - che l’industria MEM arrivava da mesi già difficili: la crisi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1