Le fattorie svizzere e ticinesi puntano sulla vendita diretta

settore primario

Con il lockdown molti consumatori hanno riscoperto i prodotti agricoli locali: l’Unione svizzera dei contadini vuole approfittare del trend sostenendo vari progetti - Sem Genini (Unione contadini ticinesi): «In Ticino le iniziative non mancano»

 Le fattorie svizzere e ticinesi puntano sulla vendita diretta
©CdT/Chiara Zocchetti

Le fattorie svizzere e ticinesi puntano sulla vendita diretta

©CdT/Chiara Zocchetti

Durante il lockdown la vendita diretta in fattoria dei prodotti agricoli svizzeri ha avuto un vero e proprio boom. In molti hanno riscoperto i sapori locali, come ad esempio uova e patate le cui vendite dirette si sono triplicate e a volte quadruplicate. Con l’apertura delle frontiere e il lento ritorno alla normalità, l’Unione svizzera dei contadini (USC) vuole approfittare di questa tendenza sostenendo diversi progetti.

«Il Ticino - ci spiega Sem Genini, segretario dell’Unione contadini ticinesi (UCT) - rispetto agli altri cantoni è da tempo avanti in termini di aziende agricole che fanno vendita diretta, ma la chiusura dei mercati e dei ristoranti ha imposto a molti di trovare nuovi canali di smercio, tramite il contatto diretto ma anche con soluzioni online. Le famiglie contadine sono...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1