Lidl Svizzera riduce l’impronta di CO2 del 53%

Commerci

Superato di gran lunga l’obiettivo prefissato per il 2020 di diminuire (rispetto al 2013) le emissioni del 35%

Lidl Svizzera riduce l’impronta di CO2 del 53%
KEYSTONE/Christian Beutler

Lidl Svizzera riduce l’impronta di CO2 del 53%

KEYSTONE/Christian Beutler

Lidl Svizzera ha ricevuto per la quinta volta la certificazione Swiss Climate Label CO2 NEUTRAL ed è riuscita nuovamente a ridurre di molto le emissioni di CO2 dell’azienda. L’obiettivo prefissato di ridurre le emissioni relative di CO2 del 35 percento entro il 2020 è stato raggiunto velocemente. L’azienda è già riuscita a ridurre le sue emissioni di CO2 del 53 percento.

L’azienda si era prefissata l’obiettivo di ridurre del 35 percento entro il 2020 le emissioni relative di CO2 (rispetto al 2013). Questo obiettivo è ora stato di gran lunga superato. Le emissioni sono state ridotte del 53 percento. Gran parte delle emissioni proviene dal settore dei trasporti. L’obiettivo di Lidl Svizzera entro il 2030 è quello di rifornire tutte le filiali senza carburanti fossili. Si potrà raggiungere questo obiettivo se la flotta di autocarri passerà al gas liquido biologico (bio-GNL). Già nel mese di giugno del 2019 Lidl Svizzera ha dato il via ai primi esperimenti sul campo con il bio-GNL non fossile. «L’azienda ha introdotto un sistema di gestione della CO2 che rileva tra l’altro ogni anno l’impronta aziendale di CO2, crea e mette in pratica misure per la riduzione e compensa le rimanenti emissioni. Solo con la massima efficienza è possibile raggiungere lo straordinario rapporto qualità-prezzo. L’efficienza massimizzata ha effetti positivi duraturi anche sull’ambiente e sul clima», si legge in una nota. I processi ottimizzati fanno in modo che non venga sprecato con leggerezza alcun chilometro di logistica, materiale, strumento di lavoro, genere alimentare o energia. E così Lidl Svizzera è la prima impresa di commercio al dettaglio nella grande distribuzione in Svizzera in cui tutte le filiali hanno ricevuto la certificazione secondo la norma energetica ISO 50001.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2
  • 3

    UBS, forte aumento dell’utile nel 2020

    Banche

    Balzo in avanti per l’istituto elvetico, il cui utile netto è cresciuto del 54,2% a 6,63 miliardi di dollari: malgrado ciò, la banca pagherà un dividendo di 0,37 dollari ai suoi azionisti

  • 4

    La Cina torna in scena

    wef online

    Il presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato l’importanza del raffozare la battaglia contro il coronavirus e difendere gli accordi multilaterali - Il messaggio pro globalizzazione economica di Pechino era rivolto anche e soprattutto agli Stati Uniti - Oggi sarà il turno dei leader europei

  • 5
  • 1
  • 1