Lindt&Sprüngli: fusione delle filiali italiane, taglio impieghi

Industria alimentare

Dal prossimo gennaio Caffarel sarà integrata con l’obiettivo di consolidare le sinergie tra le due aziende

Lindt&Sprüngli: fusione delle filiali italiane, taglio impieghi
© Shutterstock

Lindt&Sprüngli: fusione delle filiali italiane, taglio impieghi

© Shutterstock

Il gruppo Lindt&Sprüngli ha annunciato oggi la fusione delle sue due entità italiane sotto un’unica ragione sociale. Dal prossimo gennaio, Caffarel sarà integrata nella filiale italiana Lindt&Sprüngli S.p.A.. L’obiettivo è consolidare le sinergie tra le due aziende. L’operazione porterà al taglio di impieghi.

La fusione rafforzerà la collaborazione, ha indicato il produttore di cioccolato con sede a Kilchberg (ZH) in una nota odierna. Secondo l’azienda è la scelta più appropriata per assicurare il proseguimento delle attività di Caffarel, le cui difficoltà degli ultimi anni sono state accentuate dalla pandemia.

Il sito produttivo di Luserna San Giovanni, in provincia di Torino, continua ad essere «fondamentale» per il gruppo e i progetti di sviluppo previsti non sono messi in discussione, sottolinea Lindt & Sprüngli, che ribadisce il suo impegno ad investire in entrambi i marchi, per consolidare la loro presenza sul mercato italiano e preservarne le qualità specifiche. Fondata nel 1826 a Torino, l’azienda dolciaria Caffarel, creatrice del famoso «Gianduiotto», fa parte del gruppo zurighese dal 1998.

Saltano impieghi
L’operazione porterà al taglio di posti di lavoro. All’inizio si è parlato di 90 esuberi, sia nell’amministrazione che nella produzione, ha affermato una portavoce dell’azienda all’agenzia di stampa AWP, aggiungendo che sono in corso negoziati tra le parti e con i sindacati. Il gruppo rileva però che la fusione permetterà di conservare lo stabilimento di Luserna e nello stesso sito gli uffici legati alla produzione.

L’integrazione di Caffarel in Lindt & Sprüngli SpA e la buona accettazione del programma di partenze volontarie ci permetterà di ridurre il numero di licenziamenti, ha aggiunto la portavoce. Quest’ultima ha stimato il numero totale di dipendenti di Caffarel in più di 300 e di Lindt & Sprüngli SpA in più di 1000.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Bitcoin in forte calo, in due mesi vale la metà

    investimenti

    Mercato delle criptovalute sotto forte pressione in tandem con i listini azionari e il comparto tecnologico - Pesano i timori sulle prossime mosse della Fed nonchè le tensioni geopolitiche, dal Kazakhstan alla Russia

  • 2

    Inflazione, i motivi dell’aumento e i numeri che più contano

    L’analisi

    Rimbalzo economico e strettoie nei rifornimenti hanno contribuito, ma c’entrano anche banche centrali e transizione energetica – I rincari nel mondo sono andati oltre e ora andrebbero frenati – Attenzione però ai dati: per un quadro completo occorrono le medie annuali

  • 3

    L’ex CEO di Raiffeisen Pierin Vincenz a processo da martedì

    Giustizia

    Sul banco degli accusati compariranno anche il consulente finanziario ed ex numero uno di Aduno Beat Stocker, 61 anni, e cinque coimputati - Vincenz e Stocker sono accusati di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva

  • 4

    Nuovo crollo del Bitcoin

    finanza

    La criptovaluta più capitalizzata ha perso il 10% a 34.042 dollari e oltre il 50% dal record di 68.367 dollari segnato lo scorso 10 novembre

  • 5
  • 1
  • 1