Lonza crea 1.200 nuovi posti di lavoro

Impieghi

Previste assunzioni per l’impianto vallesano di Visp, che in novembre ha iniziato la produzione del principio attivo per il vaccino dell’americana Moderna contro il coronavirus

 Lonza crea 1.200 nuovi posti di lavoro
©KEYSTONE/Olivier Maire

Lonza crea 1.200 nuovi posti di lavoro

©KEYSTONE/Olivier Maire

Lonza, il cui centro operativo del gruppo è a Basilea, quest’anno intende assumere 1.200 nuovi dipendenti per l’impianto vallesano di Visp, che in novembre ha iniziato la produzione del principio attivo per il vaccino dell’americana Moderna contro il coronavirus.

Lo ha detto il direttore del sito Renzo Cicillini in un’intervista diffusa oggi dal giornale «Walliser Bote». Attualmente - ha precisato - sono già state assunte 650 persone a Visp, dove sono ora in funzione tre linee di produzione per il vaccino di Moderna.

L’azienda sta reclutando forza lavoro non solo in Vallese e in Svizzera, ma anche in tutto il mondo, in particolare in Germania, Nord Italia, Francia e Inghilterra, ha detto Cicillini.

Riguardo all’eventualità che il governo svizzero crei una sua linea di produzione di vaccini a Visp, Cicillini ha detto che il consigliere federale Alain Berset, responsabile della Sanité, e il presidente del consiglio di amministrazione di Lonza Albert Baehny sono in contatto. «Se ci saranno risultati concreti, informeranno i media», ha aggiunto. Lonza produce in Vallese il principio attivo per conto di Moderna per tutti i mercati tranne gli Stati Uniti. Il partner strategico degli americani in Europa è Rovi in Spagna.

In gennaio, l’azienda aveva annunciato piani per produrre nell’opificio di Visp fino a 300 milioni di dosi di vaccino all’anno e l’intenzione di assumere 200 nuovi dipendenti.

image-url"
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Economia a lavoro ridotto

    cantone

    Dopo l’estensione delle indennità decisa dal Consiglio federale ci si interroga sul post pandemia - La misura ha contenuto i licenziamenti ma cosa accadrà in futuro? - Pesenti: «Molto dipenderà dagli ordinativi» - Gargantini: «Non accetteremo ulteriori disdette»

  • 2

    Sorprende la forza della ripresa, gli operatori si riposizionano

    Mercati

    Con la riapertura dopo i lockdown diminuisce l’interesse per i titoli tecnologici mentre cresce per quelli industriali - Tavazzi: «A spingere i listini saranno ancora gli utili delle società, ma Zurigo salirà meno, visto che ha molti titoli difensivi»

  • 3

    Ticinesi interessati alle criptovalute

    Finanza

    In generale gli svizzeri sono al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema, in una classifica che vede al primo posto la Nigeria, seguita da Slovenia, Olanda e Cipro

  • 4
  • 5

    Il rally delle materie prime alimenta i timori d’inflazione

    congiuntura

    Grazie alla ripresa e ai piani di aiuto antipandemia, le quotazioni dei metalli e delle commodites salgono - Aumentano così le preoccupazioni riguardo al rincaro del livello generale dei prezzi, già sollecitato dagli stimoli monetari e fiscali

  • 1
  • 1