Ma il caso GameStop cambierà le cose?

Economia

Terminata la battaglia fra piccoli investitori e grandi finanzieri il titolo tornerà ai suoi livelli di metà 2020: l’insurrezione contro le élite però è passata dalle piazze alle piattaforme di trading

Ma il caso GameStop cambierà le cose?
© EPA/TANNEN MAURY

Ma il caso GameStop cambierà le cose?

© EPA/TANNEN MAURY

I piccoli investitori hanno per una volta nella storia del mondo battuto i grandi finanzieri? Il clamoroso caso GameStop, che da settimane sta sconvolgendo gli Stati Uniti e le persone interessate alla Borsa di New York, è tutto in questa domanda.

Videogiochi

GameStop è una catena di negozi di videogiochi, con 6.000 punti vendita sparsi ovunque: molti ticinesi, per dire, frequentano quelli di Como e Varese. Fondata con il nome di Babbage’s nel 1984 con i finanziamenti di Ross Perot (il miliardario che da indipendente alle presidenziali del 1992 e 1996 tolse molti voti ai repubblicani, contribuendo alle vittorie di Clinton), dal 1999 è GameStop ed il successo è durato fino al 2017, con la crisi iniziata per il solito motivo: la propensione dei giovani a comprare online, a maggior ragione un...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1