Moderna e Pfizer volano, capitalizzazione al top

Vaccini

I due titoli non sembrano soffrire le oscillazioni di altre case farmaceutiche

Moderna e Pfizer volano, capitalizzazione al top
© CdT/Gabriele Putzu

Moderna e Pfizer volano, capitalizzazione al top

© CdT/Gabriele Putzu

I titoli delle case farmaceutiche che stanno producendo vaccini continuano a oscillare con l’altalena delle notizie sui relativi prodotti, ma Moderna e Pfizer volano in capitalizzazione.

Entrambe, come evidenzia Bloomberg, hanno visto venerdì un picco in positivo con la notizia del vaccino di Johnson & Johnson bloccato negli Usa e l’Europa che sta valutandone gli effetti collaterali prima di decidere. Le quotazioni sono in salita per tutti, così come la capitalizzazione, ma con una spinta che le novità hanno reso più contenuta per Johnson & Johnson. Un’influenza, quella delle notizie sugli effetti e i cambiamenti di politiche di somministrazione, che vede coinvolta anche AstraZeneca, che patisce.

Pfizer ad esempio ha guadagnato il 2,5%, a 38,5 dollari, ben al di sopra dei 33,4 dollari di fine febbraio, ma sotto il picco dell’8 dicembre del 2020, a 42,56 dollari, poco al di sotto dei 43,8 dollari del 30 novembre 2018, il massimo degli ultimi cinque anni. La capitalizzazione ha raggiunto i 215,149 miliardi di dollari, in forte rialzo rispetto ai 186,7 miliardi di fine febbraio.

Corsa vera e propria per Moderna nell’ultima seduta di settimana: +6,8% a 170,8 dollari, nettamente sopra i 154,8 dollari di fine febbraio, ma ancora sotto i livelli d’inizio febbraio, quando era arrivata a 185,98 dollari. La capitalizzazione è in decisa crescita, arrivata a 68,413 miliardi, rispetto ai 61,8 miliardi di fine febbraio e ai 41,3 miliardi di fine 2020.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Economia a lavoro ridotto

    cantone

    Dopo l’estensione delle indennità decisa dal Consiglio federale ci si interroga sul post pandemia - La misura ha contenuto i licenziamenti ma cosa accadrà in futuro? - Pesenti: «Molto dipenderà dagli ordinativi» - Gargantini: «Non accetteremo ulteriori disdette»

  • 2

    Sorprende la forza della ripresa, gli operatori si riposizionano

    Mercati

    Con la riapertura dopo i lockdown diminuisce l’interesse per i titoli tecnologici mentre cresce per quelli industriali - Tavazzi: «A spingere i listini saranno ancora gli utili delle società, ma Zurigo salirà meno, visto che ha molti titoli difensivi»

  • 3

    Ticinesi interessati alle criptovalute

    Finanza

    In generale gli svizzeri sono al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema, in una classifica che vede al primo posto la Nigeria, seguita da Slovenia, Olanda e Cipro

  • 4
  • 5

    Il rally delle materie prime alimenta i timori d’inflazione

    congiuntura

    Grazie alla ripresa e ai piani di aiuto antipandemia, le quotazioni dei metalli e delle commodites salgono - Aumentano così le preoccupazioni riguardo al rincaro del livello generale dei prezzi, già sollecitato dagli stimoli monetari e fiscali

  • 1
  • 1