Social media

Con Youtube Paperone a soli otto anni

Un bambino americano mostra i suoi giochi online e guadagna oltre 22 milioni di dollari - VIDEO

Con Youtube Paperone a soli otto anni
Ryan mentre presenta i giochi online. Sono stati anche creati cartoni animati con il piccolo divo come protagonista. (Foto Youtube.com)

Con Youtube Paperone a soli otto anni

Ryan mentre presenta i giochi online. Sono stati anche creati cartoni animati con il piccolo divo come protagonista. (Foto Youtube.com)

LUGANO - Si chiama Ryan Kaji, ha otto anni e fa videorecensioni di giocattoli su YouTube. Mestiere non solo divertente, ma anche assai remunerativo. Ryan, il piccolo divo del web, ha guadagnato oltre 22 milioni di dollari (cifra praticamente ugual in franchi) tra il giugno 2017 e il giugno 2018. Miracoli di Internet, certificati da una speciale classifica dei primi dieci videoblogger (o «vlogger») mondiali introdotta di recente dalla rivista Forbes, che ha già fiutato come sta cambiando il vento dei nuovi ricchi.

Il piccolo re Mida statunitense ha un seguito impressionante: 18 milioni di fan e 26 miliardi di pagine viste sul suo canale YouTube, «Ryan ToysReview», nato appena quattro anni fa e naturalmente gestito dai genitori. Ma Ryan è solo la punta dell’iceberg. Le prime dieci stelle del videoblogging, tutte con meno di 34 anni, fatturano assieme qualcosa come 180 milioni di dollari.

Sul podio della classifica c’è appunto il piccolo Ryan con il canale YouTube, aperto dai genitori nel 2015, in cui prova montagne di giocattoli descrivendoli con grande personalità e simpatia. Il suo seguito è incredibile, tanto da condizionare persino la progettualità di nuovi giocattoli. Alle recensioni ha affiancato cartoni animati con se stesso come protagonista e video di taglio più educativo, sempre destinati a un pubblico di bambini. Secondo Forbes buona parte del fatturato arriva dai «preroll», le pubblicità inserite prima dell’inizio dei video, mentre dalle recensioni sponsorizzate (pagate dalle società produttrici di giocattoli) arriverebbe «solo» un milione di dollari. Ma questo è solo l’inizio: la famiglia Kaji ha infatti creato «Ryan’s World», linea di giocattoli firmata dalla stella di YouTube che verrà distribuita in esclusiva da WalMart.

A un’incollatura dal bambino ecco Jake Paul, 21 anni e 21 milioni di dollari di fatturato annuo, diventato una stella del web sei anni fa postando video sull’app gratuita Vine, oggi defunta. Famoso per i suoi eccessi, Jake è stato attore della serie tv Disney «Bizaardvark» (prima che il colosso dell’entertainment decidesse di risolvere il contratto), ha provato anche a fare il cantante rap, ma il cuore del suo impero è costituito dal merchandising di se stesso, attraverso la linea di abbigliamento da lui firmata.

In terza posizione c’è il gruppo di «sport entertainment» Dude Perfect, una leggenda di YouTube, con 36 milioni di fan (numero uno negli Stati Uniti) e più di 6 miliardi di pagine viste. Sono cinque ragazzi americani che fatturano 20 milioni di dollari l’anno facendo giochi di acrobazia strampalati, tipo centrare un canestro posto a terra lanciando la palla dal tetto di un grattacielo, oppure abbattere montagne di biscotti con palline da ping pong. Ormai celebri, sono diventati protagonisti di un videogame e persino di una serie televisiva.

Al quarto posto troviamo il britannico Daniel Middleton, in arte Dan TDM, 27 anni e 18,5 milioni di dollari di fatturato, che passa il tempo a giocare ai videogame postando i video delle registrazioni. Il suo ingresso nel mondo di YouTube risale al 2010 con un canale dedicato ai Pokemon, ma la notorietà arriva solo nel 2012 quando apre il canale «The Diamond Minecart», dedicato ai bambini della fascia 5-10 anni. Oltre a possedere la sua linea di merchandising con felpe e zaini, ha scritto anche un fumetto.

Segue la statunitense Jeffree Star, al secolo Jeffrey Lynn Steininger, 33 anni e 18 milioni di fatturato annuo, regina delle «beauty vlogger». Un’infanzia difficile, segnata dal suicidio del padre quando era bambina, non le ha impedito di provare senza successo la carriera musicale per poi sfruttare sui social la sua passione per il makeup. Famosa dai tempi di MySpace, grazie ai suoi eccessi e ai suoi stravaganti trucchi oggi su YouTube ha 9 milioni di fan per oltre un miliardo di pagine viste. Il suo fatturato è legato al successo della linea di cosmetici che vende su Internet, anche se l’anno scorso ha inaugurato il suo primo negozio «fisico» nel New Jersey.

A seguire, nella top ten dei vlogger più ricchi a livello mondiale, troviamo tre fan dei videogiochi: Markiplier (che fattura una cifra complessiva di 17,5 milioni di dollari), pseudonimo dietro al quale si nasconde il 29enne Mark Fischbach; il canadese Vanoss Gaming (che ha guadagnato 17 milioni di dollari), al secolo Evan Fong; e l’irlandese Jacksepticeye (che ha incamerato la cifra di 6 milioni di dollari), ossia quel Seán McLoughlin che tra un videogame e l’altro ha creato anche, assieme a Markiplier, una linea di abbigliamento chiamata Cloak.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Mondo
  • 1
    FOCUS

    La Lombardia cerca di tenere il passo

    Nell’analisi annuale della Banca d’Italia il ritratto della regione che da sempre è locomotiva della Penisola - Crescita ancora superiore a quella nazionale ma pesano scompensi del Paese e rallentamento internazionale

  • 2
  • 1