Nei Grigioni la banca manda i soldi a casa

Emergenza sanitaria

Tra le misure attuate dalla Banca cantonale retica per fronteggiare il coronavirus, c’è anche il servizio a domicilio per i clienti poco pratici con il digitale e cui è consigliato stare a casa

Nei Grigioni la banca manda i soldi a casa
© Wikipedia

Nei Grigioni la banca manda i soldi a casa

© Wikipedia

La Banca Cantonale Grigione (BCG) ha previsto una serie di misure per venire incontro alle aziende in difficoltà per l’epidemia coronavirus, ad esempio posticipando le scadenze di pagamento degli ammortamenti. Lo indica l’istituto bancario in un comunicato stampa.

Altre misure individuate dalla BCG per fronteggiare l’emergenza, a favore di quei clienti che non hanno ancora accesso ai servizi digitali, riguardano l’invio gratuito di denaro contante a domicilio per clienti nel bisogno.

L’istituto di credito si dice altresì disposto, in qualità di locatore, a concedere più tempo per gli inquilini di spazi locati dalla Banca in tutto il Cantone che fanno fatica a pagare l’affitto.

Altri provvedimenti sono previsti, nell’ambito dell’impegno sociale dell’Istituto e delle attività previste per l’anniversario della banca cantonale, a sostegno di progetti messi a rischio nella loro realizzazione dal coronavirus, ad esempio pagando i costi maturati dagli ordini già eseguiti.

La Banca ricorda inoltre di far parte della task force istituita dal Cantone (con il Dipartimento dell’economia pubblica e della socialità e del Dipartimento delle finanze e dei Comuni) per mitigare le conseguenze negative del Coronavirus sull’economia locale e sul turismo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1