«Nei rapporti con la Cina dobbiamo osare di più»

Aziende

Secondo Gianluca Olivieri, presidente e CEO della Financial Technologies di Lugano, per la Svizzera esiste un grande potenziale nel commercio col Dragone

«Nei rapporti con la Cina dobbiamo osare di più»
La Svizzera gioca un grande ruolo per l’enorme industria d’esportazione cinese. © Shutterstock

«Nei rapporti con la Cina dobbiamo osare di più»

La Svizzera gioca un grande ruolo per l’enorme industria d’esportazione cinese. © Shutterstock

«Nei rapporti con la Cina dobbiamo osare di più»
Gianluca Olivieri.

«Nei rapporti con la Cina dobbiamo osare di più»

Gianluca Olivieri.

La Svizzera ha stretto un importante accordo commerciale con la Cina. Abbiamo chiesto a Gianluca Olivieri, CEO di Financial Technologies di Lugano, gruppo che dalla Svizzera e dalla Cina offre servizi specialistici a imprese ed imprenditori, di fare un punto sulla situazione. La società ha festeggiato i 10 anni di esistenza.

A vostro avviso come stanno evolvendo i rapporti commerciali e le alleanze aziendali fra il Ticino e la Cina?

«La Cina è ormai diventata un mercato aperto, del quale Ticino e Svizzera conoscono ancora troppo poco. Rapporti commerciali ed alleanze strategiche fra Ticino e Cina sono ancora poca cosa. Poche imprese ticinesi sono davvero in Cina. Qualcuna esporta una minima parte della propria produzione. Per il resto si conta qualche iniziativa di gemellaggio di stampo istituzionale,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1