Nestlé rivela gli obiettivi dopo buon primo semestre

settore alimentare

La multinazionale con sede a Vevey ha superato la prima metà del 2021 con una crescita organica dell’8,1% - Per le proiezioni dell’intero esercizio, ci si aspetta un +5/6%

Nestlé rivela gli obiettivi dopo buon primo semestre
© Shutterstock

Nestlé rivela gli obiettivi dopo buon primo semestre

© Shutterstock

(Aggiornato alle 09.25) Nestlé in grande forma: il gigante alimentare ha visto le vendite aumentare a ritmi che non si vedevano da anni. La crescita organica - cioè al netto di acquisizioni e dismissioni - ha raggiunto nel secondo trimestre l’8,6% (su base annua), a fronte del +7,7% di primi tre mesi dell’anno, valore che era già ai massimi da quasi dieci anni. I dati battono ampiamente le attese degli analisti e il gruppo ha aumentato le previsioni per l’intero esercizio.

Stando a quanto comunica stamani la società il fatturato dell’intero primo semestre si è attestato a 41,8 miliardi i di franchi, l’1,5% in più dello stesso periodo del 2020. A livello organico la progressione si è rivelata dall’8,1% (6,8 punti grazie all’aumento dei volumi, 1,3 attraverso l’incremento dei prezzi), contro il 7,4% pronosticato dagli osservatori.

La multinazionale di Vevey (VD) ha approfittato del fatto che i corrispondenti dati del 2020 erano deboli in alcuni comparti, a causa delle restrizioni legate al coronavirus e del loro impatto sulle attività ad esempio di ristoranti e alberghi. Ma la società ha realizzato anche effettivi progressi in vari ambiti, non da ultimo nei preparati del ramo della salute. Molto bene sono andati gli affari con i prodotti legati al caffè (Nescafé, Nespresso e Starbucks), come pure nel settore degli articoli per animali. Il risultato operativo si è attestato a 7,3 miliardi di franchi (+1,3%), con un corrispondente margine del 17,4%. L’utile netto è salito dell’11,1% a 5,9 miliardi.

Per l’insieme dell’anno Nestlé punta su un margine operativo del 17,5%, inferiore al 17,7% raggiunto nei dodici mesi precedenti: una flessione dovuta all’aumento dei costi che annulla la precedente previsione di un miglioramento moderato del parametro. L’impegno in questione viene però mantenuto a medio termine.

Il gruppo rimane per contro molto dinamico in materia di ricavi: la crescita organica - l’indicatore maggiormente tenuto sotto controllo dagli investitori, in un gruppo costantemente in fase i mutazione: nel secondo trimestre ad esempio sono state cedute le attività con l’acqua minerale in Nordamerica - è ora prevista al 5-6%. Finora i vertici si erano limitati a fissare l’obiettivo di una progressione superiore a quella del 2020 (3,6%). Sussistono le basi per una crescita costante delle vendite a una cifre percentuale media nel lungo termine, ha affermato il Ceo Mark Schneider, citato in un comunicato.

Fondata nel 1866 da Heinrich (Henri) Nestlé (1814-1890), imprenditore tedesco naturalizzato svizzero che inventò il latte in polvere per bambini, l’azienda si è trasformata negli anni in un colosso. Oggi il gruppo è attivo in 186 nazioni con 2000 marchi alimentari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Stretta di Amazon contro le false recensioni positive

    e-commerce

    Il gigante ha bandito in modo permanente dalla piattaforma oltre 600 marchi cinesi per comportamento scorretto e ripetuto - Una stretta necessaria per una delle più grandi azienda di vendite online che in quest’ultimo anno e mezzo di pandemia ha visto crescere a dismisura un business che si basa anche sulla reputazione

  • 3

    Evergrande e banche centrali pesano sulle Borse mondiali

    Mercati

    Il nuovo crollo del titolo del colosso cinese si ripercuote sui listini di Hong Kong e del resto del mondo - Attesa per le decisioni della Fed - Cribari : «Pechino ha una lezione da insegnare: la garanzia dello Stato non è scontata»

  • 4

    Piazza finanziaria ticinese penalizzata a causa dell’italiano?

    berna

    Secondo una domanda al Consiglio federale di Fabio Regazzi la Finma ci mette molto di più a evadere le pratiche che riguardano gli operatori basati in Ticino - Ueli Maurer però nega che ci sia una discriminazione linguistica – Paolo Bernasconi: «Così perdiamo attrattività»

  • 5

    Evergrande affonda in Borsa

    merati azionari

    Il secondo sviluppatore immobiliare cinese oberato da 305 miliardi di dollari di debiti deve entro giovedì trovare 83,5 milioni di dollari per ripagare le cedole delle obbligazioni con scadenza marzo 2022

  • 1
  • 1