Oro, dopo lo sprint del 2020 ancora potenziale per salire

Investimenti

Lo scorso anno rally del 24%, anche grazie al virus e alla politica espansiva delle banche centrali - Fink: «Difficile ripetere la performance degli ultimi 12 mesi» - Cribari: «Molti fattori militano a favore del metallo giallo» - GUARDA IL GRAFICO

Oro, dopo lo sprint del 2020 ancora potenziale per salire
L’oro viene sempre più ricercato dagli investitori. ©CDT/Archivio

Oro, dopo lo sprint del 2020 ancora potenziale per salire

L’oro viene sempre più ricercato dagli investitori. ©CDT/Archivio

Il metallo giallo ha iniziato bene il 2021: oggi il prezzo è salito del 2,23% a 1941,40 dollari l’oncia. Ma l’oro si lascia alle spalle un 2020 dove si è comportato in modo eccellente, visto che è salito di circa il 24%, collocandosi fra le migliori asset class dell’anno. A questa buona performance hanno contribuito le incertezze legate al coronavirus e la politica accomodante delle principali banche centrali mondiali.

Inoltre, malgrado l’inizio della campagna di vaccinazione della popolazione in molti Paesi del mondo, i timori di un perdurare della crisi economica legata al virus non si sono dissipati del tutto, così come le incertezze per il passaggio di consegne alla Casa Bianca fra Donald Trump e Joe Biden.

Ma come si prospetta il 2021? Lo abbiamo chiesto a due specialisti della piazza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    La spina nel fianco del Dragone

    Domande e risposte

    Evergrande, il gruppo immobiliare cinese sull’orlo del fallimento, ha destabilizzato i mercati finanziari mondiali - Ma non si tratta di un caso isolato: nel Paese di mezzo sull’onda della speculazione si è costruito troppo - Il Partito vuole frenare la bolla

  • 2
  • 3

    Stretta di Amazon contro le false recensioni positive

    e-commerce

    Il gigante ha bandito in modo permanente dalla piattaforma oltre 600 marchi cinesi per comportamento scorretto e ripetuto - Una stretta necessaria per una delle più grandi azienda di vendite online che in quest’ultimo anno e mezzo di pandemia ha visto crescere a dismisura un business che si basa anche sulla reputazione

  • 4

    Evergrande e banche centrali pesano sulle Borse mondiali

    Mercati

    Il nuovo crollo del titolo del colosso cinese si ripercuote sui listini di Hong Kong e del resto del mondo - Attesa per le decisioni della Fed - Cribari : «Pechino ha una lezione da insegnare: la garanzia dello Stato non è scontata»

  • 5

    Piazza finanziaria ticinese penalizzata a causa dell’italiano?

    berna

    Secondo una domanda al Consiglio federale di Fabio Regazzi la Finma ci mette molto di più a evadere le pratiche che riguardano gli operatori basati in Ticino - Ueli Maurer però nega che ci sia una discriminazione linguistica – Paolo Bernasconi: «Così perdiamo attrattività»

  • 1
  • 1