Prezzi alimentari record, ma non sullo scontrino

commodities

Secondo la FAO in settembre le quotazioni si sono avvicinate ai massimi di dieci anni fa: pesano il rincaro dell’energia, il maltempo e la logistica - Per gli esperti le ripercussioni per i consumatori saranno limitate

Prezzi alimentari record, ma non sullo scontrino
Lo zucchero è tra i prodotti che sono rincarati maggiormente negli ultimi mesi. ©shutterstock

Prezzi alimentari record, ma non sullo scontrino

Lo zucchero è tra i prodotti che sono rincarati maggiormente negli ultimi mesi. ©shutterstock

Cereali, oli vegetali, carne, latticini, zucchero: la FAO (l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) lancia l’allarme. Le quotazioni alimentari mondiali in settembre sono aumentate ancora, avvicinandosi ai massimi di dieci anni fa. L’indice dei prezzi FAO, che traccia appunto le materie prime alimentari più scambiate a livello globale, il mese scorso ha registrato una media di 130 punti, il livello più alto dal settembre 2011, con un rincaro del 33% rispetto a dodici mesi fa. Ma cosa significa questo per il carrello della spesa e per l’inflazione, che sta aumentando in diverse zone del mondo? «Il rincaro si inserisce nel quadro più ampio dell’aumento dei prezzi delle commodities, ma va contestualizzato», ci spiega Gian Lugi Mandruzzato, senior economist della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1