Prezzi produzione e importazione: stabilità mensile, calo annuo

Statistiche

In ottobre il relativo indice calcolato dall’Ufficio federale di statistica (UST) si è attestato a 98,0 punti, senza variazione rispetto a settembre, ma in calo del 2,9% in confronto allo stesso periodo del 2019

 Prezzi produzione e importazione: stabilità mensile, calo annuo
© Shutterstock

Prezzi produzione e importazione: stabilità mensile, calo annuo

© Shutterstock

Prezzi alla produzione e all’importazione stabili a livello mensile, ma in sensibile calo sull’arco dell’anno: in ottobre il relativo indice calcolato dall’Ufficio federale di statistica (UST) si è attestato a 98,0 punti, senza variazione rispetto a settembre, ma in calo del 2,9% in confronto allo stesso periodo del 2019.

Nel dettaglio, per quanto riguarda il dato sui soli prezzi alla produzione - che mostra l’evoluzione dei prodotti indigeni - si è assistito a un incremento dello 0,1% a livello mensile e a una contrazione dell’1,6% su dodici mesi, con un indice a 98,3 punti. Nel confronto con settembre sono diventati più cari soprattutto orologi e macchine, mentre è calato il costo del gas.

Il secondo sottoindice, quello dei prezzi all’importazione, presenta una diminuzione dello 0,2% (mese) e un calo del 5,6% (anno): il dato si situa a 97,2 punti. Meno onerosi sono diventati prodotti petroliferi e gas naturale, mentre si è dovuto spendere di più per macchine, prodotti metallici, acciaio e ortaggi.

L’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione è un indicatore congiunturale che riflette l’andamento dell’offerta e della domanda sui mercati dei beni, spiegavano gli specialisti di Neuchâtel in una pubblicazione di qualche tempo fa. Rappresenta quindi l’espressione del concorso di vari fattori, tra i quali in particolare i cambiamenti in atto nelle strutture di mercato, nelle condizioni generali, nella produttività, nei tassi di cambio e nella globalizzazione economica.

L’UST - organismo fondato nel 1860 sulla scia dell’impulso fornito in particolare dal consigliere federale Stefano Franscini (1796-1857) - precisa che, nonostante il difficile periodo legato alla pandemia, la qualità delle rilevazioni corrisponde agli standard abituali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1