«Puntiamo sulla crescita organica ma non escludiamo nuovi acquisti»

focus

Intervista a Romeo Lacher, presidente del CdA di Julius Bär - Gli abbiamo posto alcune domande sulla piazza finanziaria elvetica e su quella ticinese, sulla strategia del gruppo bancario che presiede, sulla linea d’azione per quel che riguarda il mercato svizzero e i maggiori mercati esteri

«Puntiamo sulla crescita organica ma non escludiamo nuovi acquisti»
Romeo Lacher è presidente di Julius Bär dal 2019, ha alle spalle una lunga carriera nel settore bancario, in gran parte nel Credit Suisse.

«Puntiamo sulla crescita organica ma non escludiamo nuovi acquisti»

Romeo Lacher è presidente di Julius Bär dal 2019, ha alle spalle una lunga carriera nel settore bancario, in gran parte nel Credit Suisse.

Qual è la sua valutazione del quadro della piazza bancaria e finanziaria svizzera nel suo complesso?

«La piazza bancaria e finanziaria svizzera ha saputo affrontare bene le sfide di questi anni. La piazza elvetica è rimasta un punto di riferimento di grande rilevanza, in particolare per quel che riguarda private banking e wealth management. Certo, tra i cambiamenti che hanno caratterizzato gli ultimi anni c’è stato anche l’accrescersi della competizione da parte di altre piazze finanziarie, soprattutto di quelle asiatiche, ma la piazza svizzera è riuscita a mantenere la posizione in questo contesto cambiato. La professionalità dei suoi operatori, l’ampio know how che consente di rispondere alle richieste aumentate di clienti sia residenti e che esteri, l’affidabilità e l’efficienza della piazza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Stretta di Amazon contro le false recensioni positive

    e-commerce

    Il gigante ha bandito in modo permanente dalla piattaforma oltre 600 marchi cinesi per comportamento scorretto e ripetuto - Una stretta necessaria per una delle più grandi azienda di vendite online che in quest’ultimo anno e mezzo di pandemia ha visto crescere a dismisura un business che si basa anche sulla reputazione

  • 3

    Evergrande e banche centrali pesano sulle Borse mondiali

    Mercati

    Il nuovo crollo del titolo del colosso cinese si ripercuote sui listini di Hong Kong e del resto del mondo - Attesa per le decisioni della Fed - Cribari : «Pechino ha una lezione da insegnare: la garanzia dello Stato non è scontata»

  • 4

    Piazza finanziaria ticinese penalizzata a causa dell’italiano?

    berna

    Secondo una domanda al Consiglio federale di Fabio Regazzi la Finma ci mette molto di più a evadere le pratiche che riguardano gli operatori basati in Ticino - Ueli Maurer però nega che ci sia una discriminazione linguistica – Paolo Bernasconi: «Così perdiamo attrattività»

  • 5

    Evergrande affonda in Borsa

    merati azionari

    Il secondo sviluppatore immobiliare cinese oberato da 305 miliardi di dollari di debiti deve entro giovedì trovare 83,5 milioni di dollari per ripagare le cedole delle obbligazioni con scadenza marzo 2022

  • 1
  • 1