Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale

valute

A fine agosto l’istituto di credito deteneva 929 miliardi di franchi, 6,9 in più rispetto alla fine del mese precedente

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale
© CdT/Gabriele Putzu

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale

© CdT/Gabriele Putzu

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale
© CdT/Gabriele Putzu

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale

© CdT/Gabriele Putzu

Tornano a salire le riserve di divise detenute dalla Banca nazionale svizzera (BNS): a fine agosto si sono attestate a 929 miliardi di franchi, 6,9 miliardi in più rispetto a luglio.

L’insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 929 a 943 miliardi di franchi, ha indicato oggi l’istituto sul suo sito internet. L’ammontare delle riserve di valuta ha quindi vissuto un netto rimbalzo, dopo il calo di luglio (-19 miliardi) che aveva fatto seguito al forte aumento di giugno (+39 miliardi).

Dalle tabelle non si può capire se la BNS sia intervenuta sul mercato per indebolire il franco e, se lo ha fatto, in quale misura. Spesso la ragione principale degli scarti è infatti da identificare negli sviluppi dei corsi delle divise. A fine agosto l’euro era scambiato a 1,0810 franchi, contro 1,0774 di un mese prima. Nello stesso periodo di tempo il dollaro è passato da 0,9051 franchi a 0,9145 franchi.

Come noto la Banca nazionale considera tuttora elevata la valutazione del franco (lo ha ribadito nell’esame trimestrale dello scorso 17 giugno) e da sei anni e mezzo persegue una politica di interessi negativi per cercare di contenere gli effetti negativi dovuti alla moneta forte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1