Scivolone del metallo giallo, sfiorati i 1.800 dollari l’oncia

Investimenti

L’oro ha perso quota a causa delle speranze sull’arrivo dei vaccini e buoni dati congiunturali - Kever: «Credo che la disaffezione non sarà duratura» - Ambrogi: «Per comprarlo vediamo tempi migliori»

Scivolone del metallo giallo, sfiorati i 1.800 dollari l’oncia
L’oro sta correggendo, ma è in attivo rispetto ai 1500 dollari l’oncia di inizio anno. ©CDT/Archivio

Scivolone del metallo giallo, sfiorati i 1.800 dollari l’oncia

L’oro sta correggendo, ma è in attivo rispetto ai 1500 dollari l’oncia di inizio anno. ©CDT/Archivio

La febbre dell’oro si sta calmando. Dopo la fiammata di metà agosto, quando il metallo giallo aveva superato i 2.070 dollari l’oncia, ieri il corso si è abbassato fino a 1800,09 dollari, un livello non più toccato da metà luglio. La parabola dell’oro è legata a quella del coronavirus e ai problemi economici che ha provocato, che hanno portato le banche centrali a creare molta moneta, oltre che ai timori legati alle elezioni americane.

Tuttavia, dopo le grandi preoccupazioni degli scorsi mesi, in queste ultime settimane sono invece arrivate notizie rassicuranti sulla messa punto di alcuni vaccini, mentre le elezioni americane ormai hanno un risultato chiaro. Lunedì per giunta, dopo la pubblicazione del dato PMI composito negli Stati Uniti, risultato molto migliore rispetto alle attese, il corso...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    «Dal dialogo con i collaboratori spesso soluzioni sorprendenti»

    Associazione svizzera impiegati di banca

    Cambi ai vertici per la direzione generale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB). A partire dal 1. di marzo Anne-Wienke Palm e Natalia Ferrara, già responsabile per ASIB Ticino, ricopriranno il ruolo di co-presidenti - A colloquio con Natalia Ferrara sulle sfide e gli obiettivi di questo nuovo ruolo.

  • 2
  • 3
  • 4

    Casi di rigore: fra le aziende ancora molta incertezza

    Ticino

    Attesa per i dettagli che verranno decisi dal Gran Consiglio - Ma la procedura può implicare numerosi documenti
    Cristina Maderni: «Per i fiduciari sfida impegnativa, perché per ricevere il sostegno vanno certificati anche i conti delle PMI»

  • 5
  • 1
  • 1